Lifestyle

Facebook: ecco come e perché raccoglie dati di chi non ha un account

Uno degli aspetti più interessanti usciti dalla testimonianza del CEO di Facebook Mark Zuckerberg al congresso USA la scorsa settimana, è stata la conferma che il gigante dei social raccoglie dati da persone online anche se non hanno un account Facebook. Ma l’aspetto ancor più interessante è che non c’è modo di evitare questa cosa. La faccenda è stata ammessa da Facebook stessa, che ha persino scritto e pubblicato un post sul suo blog per spiegare perché lo fa. Ma il post del blog non includeva tutto. Non ha menzionato, ad esempio, il termine “profili ombra”, parola usata spesso per descrivere il tipo di profilo finto che le aziende possono avere sulle persone anche se non si sono registrate mai a Facebook. Inoltre, non menziona per quanto tempo questi dati vengono archiviati, o come Facebook raccoglie dati da non-utenti quando i loro amici che usano Facebook caricano i loro contatti telefonici. In un recente articolo pubblicato oltreoceano, sono comparse alcune domande interessanti su questo tema, domande cui ha risposto direttamente Facebook tramite un suo portavoce.

come facebook raccoglie dati non utentiCos’è un profilo ombra

Questo è il modo in cui Internet descrive le informazioni raccolte da Facebook su persone che non sono realmente utenti. Il nome deriva dal fatto che Facebook ha abbastanza dati su queste persone per creare una versione del loro profilo anche se non usano il social network, né mai l’hanno fatto in precedenza. L’amministratore delegato di Facebook Mark Zuckerberg afferma di non conoscere il termine. E un portavoce di Facebook ha dichiarato al magazine Recode, senza mezzi termini, “Non costruiamo profili ombra di persone.” I dati vengono raccolti per altri scopi, ha detto.

Quali dati vengono raccolti sui non-utenti di Facebook

Facebook sembra raccogliere i dati dai non utenti in due modi principali: dalla loro cronologia di navigazione e dai loro amici. La raccolta di dati della cronologia di navigazione è ciò che il recente post sul blog di Facebook ha descritto. Quando le persone navigano su Internet, i siti che utilizzano il pixel pubblicitario di Facebook o altre API social che rimandano a Facebook (come il pulsante “Mi piace”) inviano i dati su tali visite al gigante sociale. Facebook raccoglie tali dati su tutti coloro che visitano questi siti, siano essi utenti registrati o meno.
Se non sei un utente di Facebook, però, i dati sono meno preziosi. Questo perché Facebook non vende annunci mirati in base a quella cronologia di navigazione come fa se sei un utente registrato. Ma Facebook può ancora usare quell’informazione, che include il tuo indirizzo IP, per mostrarti annunci che ti incoraggiano ad aderire a Facebook. Ciò significa che Facebook potrebbe non guadagnare dalla tua cronologia di navigazione se non sei un utente, ma potrebbe spendere soldi cercando di contattarti con i propri annunci.
L’altro modo principale in cui Facebook riceve informazioni dai non utenti è dalla sua funzione di caricamento dei contatti. Quando le persone si iscrivono a Facebook, molti di loro scelgono di caricare i loro contatti al servizio in modo che possano trovare altre persone con cui connettersi. È probabile, tuttavia, che alcuni contatti nel loro telefono non siano su Facebook, ma stanno ancora fornendo queste informazioni alla società. A seconda di quanto siano dettagliate le persone con i loro contatti, questi dati potrebbero includere molto più di un semplice numero di telefono.

Cosa fa Facebook con questi dati

Come accennato nel recente post sul blog di Facebook, alcuni dati di navigazione vengono utilizzati per l’analisi – ciò significa che gli sviluppatori web e di app pagano Facebook per sapere quante persone visitano il loro sito, ecc. La società sostiene inoltre che è utilizzata per scopi di sicurezza, come identificare i bot. Ecco come Facebook ha spiegato che nel suo post sul blog: “Ricevere dati sui siti visitati da un particolare browser può aiutarci a identificare i cattivi attori. Se qualcuno tenta di accedere al tuo account utilizzando un indirizzo IP da un altro paese, potremmo fare alcune domande per verificare che sei tu. Oppure se un browser ha visitato centinaia di siti negli ultimi cinque minuti, è un segno che il dispositivo potrebbe essere un bot.”
Leggi anche: Cosa sa Google di me (e di te)
Le informazioni della rubrica sono più interessanti. Facebook può utilizzare le informazioni di contatto per le persone che non usano Facebook per aiutare a collegare due persone che fanno uso di Facebook. Ecco è stato descritto il valore di queste connessioni in un bell’articolo comparso su Gizmodo alla fine dello scorso anno: “Con il suo vasto e nascosto libro nero, Facebook può andare oltre il semplice abbinamento diretto con qualcun altro che ha le tue informazioni di contatto. La rete può effettuare il concatenamento dei contatti, se due persone diverse hanno entrambi un indirizzo e-mail o un numero di telefono nelle loro informazioni di contatto, il che indica che potrebbero anche conoscersi a vicenda. Non deve nemmeno essere un indirizzo o un numero di telefono di cui hai parlato personalmente a Facebook.” Ancora una volta, Facebook afferma che non sta creando profili ombra. “Non usiamo le informazioni di questo (rubrica contatti, ndr) per creare profili su persone che non sono su Facebook”, ha detto un portavoce di Menlo Park. Ha aggiunto, tuttavia, che “quando nuove persone si iscrivono, proviamo a utilizzare i dati dei contatti esistenti per aiutare l’uploader e la nuova persona a connettersi”.
Leggi anche: Quali tuoi dati personali Facebook usa per mostrarti la pubblicità