People

L’idea della De Micheli: “Pista ciclabile sullo Stretto”. Replica Provenzano: “E la catapulta?”

La ministra delle Infrastrutture Paola De Micheli rilancia il tema del ponte sullo Stretto. E lo fa a modo suo, scatenando in pochissimo tempo l’ironia e l’ilarità dei social. Non solo i cittadini, ma anche i suoi colleghi sono andati all’attacco delle sue ultimissime affermazioni. Lo strumento migliore per collegare la Sicilia alla Calabria? “Su ferro, su strada e con una pista ciclabile”. Paola De Micheli ha twittato così parlando dello Stretto di Messina e della “commissione” istituita per capire “lo strumento migliore” per collegare le due Regioni. La versione 2.0 del ponte sullo stretto di De Micheli ha destato non poche polemiche e ironie sui social che nelle ultime ore hanno riempito il profilo della ministra.

“Potreste installare due scivoli gonfiabili sospesi per aria”, scrive un utente con tanto di immagine di esempio allegata. Non solo pista ciclabile “ma anche una in sabbia marina per giocare a biglie”, scrive un altro. Ma anche nel governo nessuno la difende, anzi: c’è chi fa dell’ironia spinta anche nel suo stesso partito. Ma le reazioni sono arrivate anche da esponenti – e colleghi – del Pd come Matteo Orfini che, all’idea della ministra, ha ironicamente rilanciato quella del “teletrasporto” con foto di Spock di Start Trek.

Ma il commento dai toni simili che ha fatto più clamore è stato quello di un altro ministro, quello per il Sud Giuseppe Provenzano: “Sul ponte sullo stretto si esercita la fantasia dei miei colleghi di governo” ha detto il ministro, aggiungendo alle soluzioni di De Micheli altre proposte fantasiose. “Ora dopo il ponte ci sarà il tunnel, ci saranno le piste ciclabili e arriverà anche il monopattino. Spero che nessuno proponga la funivia o la catapulta…”, ha concluso.

Ma a fare polemica è anche la volontà della De Micheli di istituire l’ennesima commissione di questo governo, pronto a chiamare consulenti ed esperti per qualunque decisione siano chiamati a prendere, anche se la questione è sul tavolo da decenni. L’attore Luca Bizzarri ha scritto sui social: “Io mi chiedo come facciano a non sapere che prenderli per il culo sta diventando troppo semplice. (Comunque io suggerisco la catapulta)”, scrive l’attore.

 

Ti potrebbe interessare anche: Salvini al comizio: “La mattina mangio la focaccia con la cipolla. Ecco perché”