Interni

Gli iscritti confermano la fiducia a Di Maio: resta il leader del M5S

Nessuna rivoluzione ai vertici del Movimento Cinque Stelle. Dopo una giornata molto delicata per tutta la galassia pentastellata, Luigi Di Maio ha ricevuto la conferma della fiducia da parte degli iscritti del partito con l’80 per cento dei voti: 44mila e 849 a favore; 11mila e 278 contro.

“Oggi su Rousseau si è scritta una delle pagine più belle della storia di democrazia diretta del Movimento 5 stelle”, si legge sul Blog delle Stelle. “E non per il risultato uscito fuori dalle urne, che ha confermato Luigi Di Maio come capo politico con l’80% dei consensi, ma per la partecipazione record a una votazione online per il Movimento che è anche il record mondiale per una votazione online in un singolo giorno per una forza politica”.
Secondo quanto riferito dall’associazione Rousseau, ci sono stati tre attacchi alla piattaforma: “Anche oggi hanno provato a metterci i bastoni tra le ruote, con tre attacchi DDoS (dalle 11:17 alle 11:21, dalle 12:38 alle 11:40 e dalle 12:30 alle 13:00 circa)” si legge. “Non ci sono riusciti. Le performance dell’area voto di Rousseau sono rimaste intatte, a parte un debole rallentamento durato meno di mezz’ora. In passato, alcuni attacchi informatici ci hanno spinto a migliorare la nostra infrastruttura”. E ancora. “Da mesi, come sapete, stiamo riscrivendo la piattaforma Rousseau aumentandone l’efficienza, la sicurezza e l’elasticità. E il risultato odierno è bella prova di forza. Certo, la strada da fare è lunga. E il sistema è ancora in fase di testing. Ma oggi, durante il primo vero test di carico reale, il sistema ha retto ed è riuscito ad assicurare la fluidità, velocità e sicurezza del voto”.

“Ogni maledetta sera…”. Robin Williams, spunta solo ora quel dettaglio doloroso sulla sua morte. A 4 anni dal suicidio, è la moglie a rivelare la triste verità: “È stato orribile”