Senza categoria

Di Maio mette in riga Conte: “Senza Cinque Stelle non esiste il governo”

Luigi Di Maio non ci sta. Mette i puntini sulle “i”, ribadendo l’importanza fondamentale del Movimento Cinque Stelle per l’azione del governo. E rimarcando posizioni del partito che non posso essere ignorate per il bene comune. “I toni ‘o si fa così o si va a casa’ fanno del male al Paese, fanno del male al governo” ha detto il leader grillino, rispondendo così a Conte che nelle scorse ore aveva dichiarato: “Chi non fa squadra è fuori dal governo”.

“In politica – ha continuato il capo politico M5s – si ascolta la prima forza politica che è il M5s, perché se va a casa il M5s è difficile che possa esistere ancora una coalizione di governo”. Da Matera il ministro degli Esteri ha poi aggiunto: “Prima di tutto sono soddisfatto che domani finalmente si riunisce questo vertice di maggioranza che stavamo chiedendo da un po’, un vertice di governo che deve servire a mettere nella legge di bilancio tre proposte che per noi sono imprescindibili: o si fanno o non esiste ancora la manovra”.
Di Maio ha quindi riepilogato le tre proposte del M5S considerate “imprescindibili”: “La prima è il carcere agli evasori e la confisca per sproporzione ai grandi evasori significa che chi evade più di 100 mila euro all’anno verrà punito seriamente con il carcere e bisogna confiscargli più di quanto ha evaso” ha detto il ministro.“Secondo punto: per me – ha proseguito – vanno bene le multe ai commercianti che non utilizzano il pos, ma se gli abbattiamo i costi del pos, i costi delle carte, perché altrimenti rischiamo di trovarci in una situazione in cui introduciamo una nuova tassa per i commercianti, non una multa. E poi il terzo punto per noi importante è che le partite Iva continuino a pagare solo il 15% di tasse, cosa che non è così, in questa manovra gli si alzano le tasse” ha concluso.

Il popolo di Salvini? Per la questura vale meno della metà