Social

Di Maio sparito dai social: il suo sito rimandava a una pagina di casinò

La sconfitta alle elezioni politiche del 25 settembre è stata proprio una brutta batosta per Luigi Di Maio. Il ministro degli Esteri, ancora per poche ore, contava proprio di rientrare in Parlamento al grido di “Viva Draghi” e trovando appoggio nelle liste del Pd in Campania. Ma i suoi piani sono saltati e così, subito dopo la sconfitta elettorale, i profili dell’ex pentastellato su Instagram, Facebook e Twitter hanno cominciato a sparire. Nelle ultime ore, poi, si è aggiunto anche il giallo del suo sito luigidimaio.it che prima rimandava ad un sito di scommesse online ed ora risulta irraggiungibile.

Luigi Di Maio

“Qualcuno ha attaccato Luigi Di Maio: il suo sito ‘sfondato’ (chissà da quanto) rimanda a una pagina di casinò. Ed è una buona occasione per parlare di WordPress, Elementor, SpamHack e di Sicurezza informatica”, scrive su Twitter il divulgatore scientifico Matteo Flora nella mattina di lunedì 17 ottobre. Fino al 15 ottobre, spiega Flora, il sito del ministro risultava regolarmente raggiungibile e navigabile. Ma con il grosso problema che si veniva reindirizzati su un sito di casinò.

Ora il portale risulta invece irraggiungibile. Se si prova a cliccare su luidigidimaio.it si apre una pagina vuota con una scritta blu su sfondo bianco che recita: “Sito web in manutenzione”. Se invece si effettua una ricerca su Google si trova ancora il riferimento al casinò: “Gratowin casino Italia. Se stai cercando il miglior casinò online in Italia, buona fortuna con te Il nostro casinò online è uno dei più grandi casinò”.

Insomma, non proprio un bel periodo per Luigi Di Maio che oggi però, come riporta Libero, in occasione della riunione tra i ministri degli Esteri continentali che si svolge in Lussemburgo, è stato definito dall’Alto rappresentante dell’Ue per gli affari esteri, Josep Borrell, “un grande ministro degli Esteri”.

Potrebbe interessarti anche: Mistero su Di Maio: sparito il suo profilo Facebook da 2,5 milioni di follower

Torna su