trump-zte

Donald Trump: aiuterà la cinese ZTE a tornare in affari

Il presidente degli Stati Uniti Donald Trump ha detto che vuole aiutare a salvare ZTE, una delle più grandi compagnie di telecomunicazioni della Cina. Il presidente Donald Trump ha ordinato al Dipartimento del commercio degli Stati Uniti di rimettere in attività ZTE Corp, alcune settimane dopo aver tagliato fuori il massiccio produttore cinese di apparecchiature per telecomunicazioni dai suoi fornitori statunitensi con una condanna del comportamento “egregio” di ZTE. ZTE si è dichiarato colpevole di effettuare spedizioni illegali in Iran e Corea del Nord. Domenica mattina, il presidente Trump ha sorpreso molti a Washington quando ha indicato la volontà di ripensare alla punizione. Sembrava anche tornare indietro dall’economia di confine che ha minacciato i colloqui commerciali degli Stati Uniti con la Cina. Trump ha twittato dicendo che stava lavorando con il presidente Xi per garantire che ZTE tornasse rapidamente agli affari, per impedire il crollo della compagnia, che impiega 75.000 persone, dicendo che in Cina c’erano troppi lavori a rischio.

trump-zteLeggi anche: Pena di morte: Trump la ritiene necessaria per punire chiunque commetta atti terroristici

Inaspettata la mossa di Trump

In un notevole sviluppo, il presidente Trump ha gettato un ramoscello d’ulivo alla controversa società cinese di telecomunicazioni ZTE. La società, che vende apparecchiature di rete e dispositivi consumer tra cui smartphone, ha annunciato  che cesserà le sue attività commerciali principali, dopo che il Dipartimento del Commercio degli Stati Uniti ha annunciato una restrizione dell’esportazione di sette anni per la società. Alla società è stato vietato vendere apparecchiature negli Stati Uniti, ma escludere partner della supply chain come Intel, Qualcomm e Google è potenzialmente catastrofico.

trump-zteLeggi anche: Economia Venezuela: Trump contro Petro coin

Un po’ stranamente, Trump ha citato una perdita di posti di lavoro in Cina come fattore motivante. Dato che le sanzioni statunitensi sono state imposte a ZTE a causa di minacce alla sicurezza nazionale e alla sua violazione delle sanzioni commerciali con Iran e Corea del Nord, il desiderio di Trump di dare un’altra possibilità alla compagnia negli Stati Uniti è davvero inaspettato. L’amministrazione Trump ha usato la premessa della sicurezza nazionale per bloccare una serie di accordi commerciali che vedrebbero le società cinesi acquistare aziende americane – compresa la proposta di acquisizione di MoneyGram da parte di Alibaba e lo sforzo di Broadcom di acquistare Qualcomm.

Poi, ovviamente, il Presidente è coinvolto in una vertiginosa disputa commerciale con la Cina, che, per quanto riguarda gli Stati Uniti, includeva tariffe per circa 60 miliardi di dollari di beni cinesi, la maggior parte dei quali si concentrava sull’industria high-tech. Concedere una tregua a ZTE – un’azienda con oltre 70.000 dipendenti, oltre $ 17 miliardi di entrate annuali e stretti legami con il governo – non si adatta alla strategia di danneggiare la Cina, ma l’amministrazione di Trump è spesso a volte apparentemente pragmatica.

Leggi anche: Trump contro Amazon: ordina indagine sull’accordo con US Postal Service

CONDIVIDI
Valentina Samà
Progettare, creare e stupire è la sua passione. Dopo il diploma di Grafico Pubblicitario e varie esperienze in Digital Marketing and Social Media Marketing, diventa content editor in Business.it. Ama l'arte e il disegno e scrivere sarà la sua nuova sfida.