trump-maduro-petro

Economia Venezuela: Trump contro Petro coin

Economia del Venezuela: vicino al collasso? $ 150 miliardi  in altri paesi con un bolivar (la sua valuta) praticamente senza valore, un tasso di disoccupazione di quasi il 30% e una situazione in cui i venezuelani medi non possono permettersi cibo o cure mediche. Quindi, naturalmente, stanno facendo affidamento sull criptovaluta per salvarli. E, naturalmente, questo sforzo ha appena colpito una grande protuberanza.

il presidente degli Stati Uniti Donald Trump ha firmato un’ordine esecutivo che proibiva agli americani di prendere parte a qualsiasi transazione riguardante “qualsiasi valuta digitale (emessa da, per, o per conto del governo del Venezuela)” a partire dal 9 gennaio 2018. Tale divieto include il petro controverso, la criptovaluta legata al valore delle riserve di petrolio greggio del Venezuela.

trump-maduro-petro

Leggi anche: Criptovaluta Ducatus Coin: caratteristiche, quotazione e valore

La decisione di Trump e la risposta del Venezuela

Diosdado Cabello, vicepresidente del Partito socialista unito del Venezuela, ha risposto alla decisione di Trump via Twitter: “Ancora una volta, l’imperialismo si sbaglia nell’annunciare sanzioni e blocchi contro il popolo coraggioso e dignitoso del Venezuela, i fanatici del tesoro sbavano di piacere quando il nostro popolo soffre. Alza le bandiere di Bolívar e Chávez, prevarremo! “.

Ad Agosto 2017 Trump firma un’ordine esecutivo che impone sanzioni economiche al Venezuela a causa, apparentemente, del governo venezuelano impegnato in violazioni dei diritti umani, corruzione e violenza. Ai cittadini statunitensi è vietato prestare denaro in Venezuela. L’ordine proibisce anche “qualsiasi transazione che elude o evita” l’ordine.

Dicembre 2017 : il presidente venezuelano Nicolás Maduro annuncia il petro. “Questo ci consentirà di avanzare verso nuove forme di finanziamento internazionale per lo sviluppo economico e sociale del nostro paese”, racconta al paese durante un’annuncio televisivo.

Leggi anche: Milionari degli Stati Uniti chiedono a Trump di non tagliare le tasse sulle loro imprese

Il 20 febbraio 2018: il  Venezuela lancia la prevendita privata, durante la quale presumibilmente raccolgono $ 5 miliardi (una cifra che è ancora non verificata). Eppure, senza dubbio almeno alcuni cittadini statunitensi raccolsero il petro durante la prevendita, e ora, grazie al nuovo ordine esecutivo di Trump, quelle criptogenine sono poco più che fermacarte digitali. Durante la prevendita, erano stati messi in palio 38,4 milioni di gettoni.

Il 20 marzo 2018 Viene lanciata l’offerta iniziale di monete (ICO), che offre 44 milioni di petro in più. E i cittadini statunitensi non sono autorizzati legalmente a comprare nessuno di loro. “È un bel colpo”, ha detto a Bloomberg Russ Dallen, l’amministratore delegato di Caracas Capital . “Dal momento che la maggior parte delle criptovalute non è realmente supportata da nulla di reale, la speculazione sulla criptovaluta si basa sulla teoria degli sciocchi  –  posso comprarlo a $ 100 perché c’è qualcuno che è un idiota più grande che sta per comprarlo a $ 200. Quando togli gli Stati Uniti da questa equazione, riduci l’interesse e il potenziale per quella speculazione.” In altre parole, il gruppo di potenziali pazzi del Venezuela è diventato molto più piccolo grazie a Trump.

Leggi anche: L’account Twitter di Trump rischia il ban: ecco la risposta di Twitter in un post

CONDIVIDI
Valentina Samà
Progettare, creare e stupire è la sua passione. Dopo il diploma di Grafico Pubblicitario e varie esperienze in Digital Marketing and Social Media Marketing, diventa content editor in Business.it. Ama l'arte e il disegno e scrivere sarà la sua nuova sfida.