Sport

Doping, Russia esclusa da Olimpiadi e campionati del mondo per 4 anni

La notizia ha investito tutto il mondo dello sport. L’Agenzia Mondiale antidoping (Wada) ha deciso di sanzionare la Russia con l’esclusione dalle Olimpiadi per quattro anni. Mosca, dunque, non potrà essere rappresentata alle prossime Olimpiadi di Tokyo 2020 e ai Giochi Invernali di Pechino 2022. La Russia, condannata per recidiva nel falsificare i dati dei controlli antidoping sui suoi atleti, non potrà inoltre né ospitare né candidarsi per organizzare grandi eventi sportivi. L’Esecutivo ha dunque sposato in toto la raccomandazione fatta dal Comitato di controllo della conformità (Crc) dalla stessa Wada di escludere la Russia dalle principali competizioni sportive per i prossimi 4 anni vista la presunta alterazione dei dati del laboratorio di Mosca.

La squalifica sarà estesa anche ai dirigenti sportivi e ai membri del governo, ai quali sarà dunque vietato di presenziare ai principali eventi sportivi. Come però già successo ai Giochi di Pyeongchang 2018, gli atleti russi che dimostreranno di essere puliti ed estranei al doping di Stato potranno gareggiare come neutrali. La Russia è coinvolta in scandali sul doping da quando un rapporto del 2015 commissionato dalla WADA ha trovato prove del doping di massa nell’atletica russa.

Come scrive Repubblica, da allora molti dei suoi atleti non hanno partecipato alle ultime due Olimpiadi e il Paese è stato privato completamente della sua bandiera ai Giochi invernali di Pyeongchang dell’anno scorso, come punizione per aver insabbiato il doping di Stato ai Giochi di Sochi del 2014. Mosca ha ammesso i problemi ma ha negato l’accusa di aver organizzato il doping di Stato. “La forte decisione dell’Esecutivo dimostra la determinazione della Wada ad agire in modo risoluto riguardo alla questione del doping in Russia” ha detto sir Craig Reedie, presidente dell’Agenzia mondiale antidoping.

“Per troppo tempo il doping russo ha distolto l’attenzione dallo sport pulito e la sfacciata violazione da parte delle autorità russe delle condizioni poste per il reintegro della Rusada, approvate nel settembre 2018, esigeva una risposta forte. Ed è quello che abbiamo fatto oggi. Alla Russia è stato permesso in ogni modo di mettere ordine in casa propria e riunirsi alla comunità internazionale antidoping per il bene dei suoi atleti e dell’integrità dello sport ma ha scelto di continuare a ingannare e negare. Abbiamo così risposto nel modo più duro, proteggendo al contempo i diritti degli atleti russi che possono provare di non essere coinvolti e di non aver beneficiato di queste azioni fraudolente”.

La federcalcio russa ha fatto sapere che la UEFA non annullerà le partite dell’Europeo di calcio 2020 e la finale di Champions League a San Pietroburgo. “La decisione Wada non annullerà la decisione della UEFA: non ci sono motivi per farlo. Le partite degli europei 2020 e la finale della Champions League del 2021 si terranno in Russia”, ha detto il presidente onorario dell’Unione Russa di calcio (RFU) e membro onorario della UEFA e della FIFA Vyacheslav Koloskov.

 

Ti potrebbe interessare anche: La Russia, Salvini, Savoini: quel triangolo magico nato già nel 2013