Economia

Economia: il presidente Donald Trump usa le sanzioni per scatenare il mercato doloroso

Essere bersagliato di sanzioni dall’amministrazione americana di Donald Trump, scatena il mercato doloroso per fare pressione sugli avversari economicamente vulnerabili dalla Turchia alla Russia. La Turchia era già nel mezzo di una crisi finanziaria quando il presidente  inaspettatamente ha annunciato un raddoppio delle tariffe in acciaio, aggiungendo al caos del mercato. Le sanzioni e le tariffe imposte dalla più grande economia mondiale sono quasi sempre consequenziali, ma molti degli obiettivi più recenti di Trump sono particolarmente suscettibili alle minacce o alle pressioni degli Stati Uniti. Trump ha assicurato che le misure punitive gioveranno alla “pace mondiale”. Le sanzioni di Washington riguardano le aziende che operano nei settori della commercializzazione del dollaro, dell’oro, di software per la gestione di processi industriali e di diversi minerali come grafite, metalli grezzi e carbone. “Sono le più forti mai imposte, e a novembre raggiungeranno un altro livello. Chiedo la pace nel mondo, niente di meno!”, ha ‘twittato’ Trump.

trump-dazi-turchia

Leggi anche: Guerra commerciale: Trump, un’altro giro di tariffe sulla Cina potrebbe essere annunciato

Via libera al raddoppio dei dazi

Con le sanzioni americane entrate in vigore, dopo l’abbandono dell’accordo sul nucleare con l’Iran, è iniziata la strategia della «massima pressione». Che è anche una strategia della tensione. Come esemplificano bene le dichiarazioni del ministro israeliano dell’intelligence Kazt: “Se l’Iran accetta le richieste americane bene, se queste misure porteranno al fallimento e alla caduta del regime ancora meglio”. La guerra di Trump con le sanzioni ha un ampio arco di bersagli e alcuni aspetti paradossali. Una sorta di punizione globalizzata. C’è sempre una prima volta per essere sanzionati dall’America. È il caso della Turchia.

Il presidente americano Donald Trump ha dato il via libera al raddoppio dei dazi sull’alluminio e sull’acciaio importato dalla Turchia. “Per quanto riguarda la Turchia, ho appena autorizzato il raddoppio dei dazi sull’acciaio e sull’alluminio, in un momento in cui la loro moneta, la lira turca, si deprezza rispetto al nostro fortissimo dollaro! I dazi sull’alluminio ammontano ora al 20%, sull’acciaio al 50%. Ora non abbiamo buoni rapporti con la Turchia! “ — ha twittato Trump. A sua volta il presidente turco Tayyip Erdogan ha promesso di rispondere alle forze che hanno scatenato una guerra economica contro Ankara.

trump-dazi-turchia

“La Turchia sta preparando misure contro eventuali scenari negativi. Chi gioisce nella svalutazione della nostra moneta, negli alti tassi di interesse e nelle minacce contro Ankara non otterrà nulla,” — ha detto Erdogan. Erdogan ha definito i processi negativi degli ultimi giorni in ambito economico come “un’altra manifestazione della politica anti-turca”. Oggi il triangolo Russia-Turchia-Iran – decisivo per la questione siriana ma non solo – è costituito da Paesi nel mirino delle sanzioni americane. Se poi aggiungiamo i dazi alla Cina si capisce bene che è in atto una sorta di scontro tra gli Stati uniti e l’Eurasia. La strategia della «massima pressione» di Trump, che piace tanto a Israele e ai sauditi, la paghiamo noi europei.

Leggi anche: Trump, legge fiscale: le piccole e medie imprese si trovano in difficoltà