Lifestyle

Ellen Bennett, il suo impero multimilionario

In soli cinque anni, è diventata determinata a trasformare qualcosa in cucina in un impero multimilionario. Lungo la strada, i suoi grembiuli fatti a mano hanno conquistato i fan come Martha Stewart e i migliori chef Mario Batali, David Chang, April Bloomfield, Nobu Matsuhisa e Alton Brown.

L’imprenditore Ellen Bennett si sta chiaramente divertendo a prendere d’assalto il mondo culinario. Nella sua struttura di Hedley & Bennett da 17.000 metri quadrati nel centro di Los Angeles. Per prima cosa, lo spazio cavernoso ha una casa sull’albero coperta di dimensioni normali. E poi c’è uno scivolo, uno swing e una zip line, nel caso in cui qualcuno dei suoi impiegati abbia bisogno di un cambio di ritmo durante la giornata lavorativa. E, il posto è addobbato con grembiuli rossi, arancioni, blu e verdi. Entrare nella sede di Hedley & Bennett è come essere trasformato in un mini-parco divertimenti.

Leggi anche: Come diventare un manager di successo: alcuni consigli utili

La storia di Bennett

Dietro la sua esuberanza giocosa c’è una donna professionale, che guarda con serietà la sua attività: è ossessionata dalla creazione di abiti da lavoro più dignitosi. Vuole che cuochi di linea, chef e camerieri abbiano uniformi che sono orgogliose di indossare, realizzate con materiali che non si strappano o si rompono in una cucina bollente. Bennett dopo aver frequentato la scuola di cucina, ha iniziato a lavorare come chef di linea a Providence, un ristorante con due stelle Michelin. Mentre affilava i coltelli e tagliava le carote, si ritrovava distratta dai suoi grembiuli e camicie malamente fatti. Erano, per usare le parole di Bennett, “Schifo totale”.

Le uniformi da cucina della vecchia scuola tendono ad essere fatte con una miscela di poli-cotone poco costosa che non respira. I cappotti da cuoco tendono ad essere spessi, rigidi e sovradimensionati, rendendo difficile il loro spostamento. Le tasche dei grembiuli si strappano facilmente, le cinghie sono raramente regolabili e, quando lo sono, vengono mantenute in posizione con l’hardware in plastica che si scioglie in una cucina calda. “Non scherzo: due dei tre grembiuli che indosserei ogni giorno al ristorante avevano tasche penzoloni perché si erano strappati”, dice.  

Bennett, che ha sempre avuto un occhio per il design, ha iniziato a fare le sue ricerche nel settore cucina-abbigliamento per pura curiosità. Ha scoperto che i fornitori di ristoranti tradizionali in genere importano prodotti economici dall’estero e si concentrano sulla fornitura di volume e basso costo, piuttosto che sulla qualità. “C’era un tale buco nel mercato”, dice Bennett. “L’uniforme – che è un punto di contatto che il cliente vede realmente – era l’ultima cosa a cui i ristoratori pensavano. Ma è pazzesco quando consideri i milioni che costa creare un ristorante. Volevo che le persone indossassero un’uniforme eccezionale ed è sempre stata trascurata da molto tempo”. Alla fine, l’attività di Bennett è nata per caso. Un giorno, lo chef del Bäco Mercat accennò che stava per introdurre un’azienda per far lavorare i lavoratori per i nuovi grembiuli. Bennett lo pregò di lasciare il suo disegno e per preparare i grembiuli da sola.

“Ho avuto abbastanza convinzione in quel momento che mi ha dato l’opportunità”, ricorda Bennett. “All’improvviso ho avuto un ordine di 40 grembiuli.” Prese $ 300 dal suo conto di risparmio e sviluppò la sua primissima collezione. “Non avevo fogne, ma avevo una visione molto chiara di ciò che volevo creare. Ed è così che è nata Hedley & Bennett “, dice. Il nome dell’azienda deriva da entrambi i lati della sua famiglia. Hedley si riferisce al suo nonno inglese, uno scienziato missilistico che avrebbe letto l’Enciclopedia Britannica nei fine settimana. Bennett viene dal suo lato materno infuocato della famiglia, che sono messicani. “Quando unisci le due diverse culture, ottieni un mix contemporaneo e colorato, prendi la vita con i risvolti, una visione positiva della vita”, spiega Bennett.

Il segreto del suo successo

Dal suo primo lotto per il team di Bäco Mercat, Bennett ha utilizzato i materiali di migliore qualità usufruendo del distretto di abbigliamento di Los Angeles, tra cui denim giapponese, tele americane e biancheria da tutto il mondo, oltre a hardware in ottone. Oltre ad essere belli da vedere e da toccare, erano anche traspiranti.Nel processo di cucito, ha assicurato che ogni angolo era rinforzato. E quando si trattava di cinturini, creava un sistema di cross-back che si stendeva piatto contro la schiena, invece di essere attorcigliato. Ha anche pensato con attenzione a quali colori e modelli sarebbero stati adatti in un ristorante formale, ma ha aggiunto un tocco di stile.

“Mi sono ispirata ai miei stilisti di abbigliamento preferiti”, afferma Bennett. “Prenderò una tasca da una camicia Theory o un colletto da un blazer Brooks Brothers e li incorporo in queste uniformi.” Dopo aver realizzato il primo set di grembiuli, Bennett ha avvicinato chef come Mario Batali e David Chang in occasione di eventi, ha detto che era una designer di grembiuli e ha chiesto loro che tipo di abiti volevano da lavoro o da cucina.

Ha funzionato come un incantesimo. Oltre a ricevere i loro feedback, è stata in grado rapidamente di rendere questi chef famosi. Questo processo di collaborazione nel processo di progettazione ha anche aiutato i suoi acquirenti a capire perché i suoi grembiuli sarebbero costati molto di più rispetto al grembiule standard. I grembiuli Hedley & Bennett corrono tra $ 50 e $ 120, ma i prezzi scendono per gli ordini del settore su larga scala.

ellen-bennet-impresa

Leggi anche: Business di successo: i segreti dei grandi imprenditori

Bennet e la sua tenacia

Questo periodo era ancora quello che lei descrive come un “trambusto”. Bennett manteneva il suo lavoro di giorno, ma andava da uno chef alla volta, cercando di convincerli a comprare i suoi grembiuli fatti a mano.

Nel giro di un anno, Bennett aveva ridotto le sue ore a Providence a due giorni a settimana per poter lavorare su Hedley & Bennett, e stava ricevendo menzioni nel  New York Times Magazine . Tre anni dopo, Bennett è l’amministratore delegato della propria azienda. Ha 31 persone sul suo libro paga, di cui 12 che lavorano interamente sulla produzione dei grembiuli. Lavora con altre quattro fabbriche sui nuovi prodotti che Hedley & Bennett ora vende.

Bennett ha aiutato i ristoranti di tutto il mondo a fare sul serio il loro gioco di grembiule. Hedley & Bennett crea uniformi per 4.000 ristoranti e coffee shop in tutti gli Stati Uniti, tra cui Blue Bottle Coffee, Intelligentsia e Lazy Bear.

Le grandi aziende scelgono Hedley & Bennett

Ma nel corso degli anni, Hedley & Bennett ha creato grembiuli per le grandi aziende che vanno dalla Delta Airlines ai Four Seasons Hotels e Resorts al Ritz-Carlton. Aziende come Google, Coca-Cola, American Express, New York Times, Lexus, Aspen Food and Wine e SpaceX hanno creato grembiuli per eventi culinari speciali. Hedley & Bennett ha lanciato un grembiule, esclusiva progettata in collaborazione con Bon Appetit direttore creativo che viene fornito con abbonamenti annuali.

Hedley & Bennett ha venduto diverse centinaia di migliaia di grembiuli attraverso il suo sito Web e altri rivenditori di alta gamma come Steven Alan, Sur La Table, Whole Foods e Heath Ceramics. Al di fuori dell’industria alimentare, artisti, fiorai, tecnici delle unghie, tatuatori, scultori e ceramisti hanno gravitato verso questi grembiuli. Mentre Hedley & Bennett è di proprietà privata e non rivela cifre di fatturato, Bennett ha affermato che la società genera milioni di dollari di entrate ogni anno. Ma Bennett non riposa mai sugli allori. Sta ancora lavorando per creare i grembiuli migliori e più belli. 

Leggi anche: Fare soldi con Internet si può. Ecco come!