tesla-musk-stressato

Elon Musk: troppo stress, per il ceo di Tesla

“Torno a dormire nella Gigafactory, la fabbrica di Tesla”. Così Elon Musk su Twitter palesa l’intenzione di assumere personalmente la supervisione dell’intera produzione della Model 3.Un anno fa ho chiesto a Doug di gestire sia l’ingegnerizzazizone che la produzione. Anche lui concorda che dobbiamo ottimizzare questi aspetti, per non progettare delle auto che siano assurdamente difficili da costruire. D’ora in poi dobbiamo dividere e vincere, per questo torno a dormire in fabbrica. Il business delle auto è l’inferno”.

Tesla ha annunciato che era inferiore al suo target di 2500 veicoli. Musk ha detto che stava lavorando per lunghe ore a Fremont, in California, in fabbrica “un’inferno di produzione” per raggiungere l’obiettivo di produrre 5.000 veicoli Model 3 alla settimana entro la fine di giugno. All’inizio di aprile, Tesla produceva circa 2000 Modelli 3 a settimana.

“Sento decisamente lo stress, sì. È come – sono stati incredibilmente difficili e dolorosi gli ultimi mesi “, ha detto Musk. “Sì, sto dormendo in fabbrica, non perché penso che sia un posto divertente dove dormire. Anzi è terribile. Il mio compito come CEO è quello di concentrarmi su ciò che è più critico, che è attualmente la produzione del Modello 3″, ha twittato Musk.

Leggi anche: Tesla news 2018: il business di Elon Musk continua

Ma le preoccupazioni di Elon Musk aumentano

Ad aumentare le preoccupazioni di Musk ci si è messa una reazione tutt’altro che favorevole ai mercati azionari. In un suo tweet del primo aprile annunciava che: “Nonostante intensi sforzi per raccogliere fondi, compresa una disperata vendita di uova di Pasqua, Tesla è andata totalmente in bancarotta“. Uno scherzo, un pesce d’aprile che però è costato alle azioni di Tesla uno scivolone del 5%.

Se ci si aggiungono le conseguenze dell’incidente in cui il 23 marzo un uomo ha perso la vita in California a bordo di una Model X mentre l’auto viaggiava in modalità “Autopilot”, la primavera di Musk è iniziata decisamente sotto cattivi auspici. Forse per questo ha perso il sonno e deciso di passare la notte in fabbrica. 

Leggi anche: Industria 4.0, Elon Musk: “La Model 3 prodotta con troppi robot”

Musk reclama più regole

Sulla scia di Facebook Inc. del recente interrogatorio dell’amministratore Mark Zuckerberg, Musk ha detto che l’intelligenza artificiale e i social media hanno bisogno di più regole e regolamenti tecnici.

“Ogni volta che c’è qualcosa che influenza il bene pubblico, deve esserci una qualche forma di supervisione pubblica. … Penso che ci dovrebbero essere dei regolamenti sull’IA. Penso che ci dovrebbero essere norme sui social media nella misura in cui influisce negativamente sul bene pubblico “, ha detto. “Non possiamo avere la proliferazione volgare o nolente di notizie false, è pazzesco. Non puoi avere più tipi di notizie false rispetto a notizie reali. Ciò permette che l’inganno pubblico diventi incontrollato. Questo è pazzesco.”

Leggi anche: Elon Musk e l’Intelligenza Artificiale: l’imprenditore visionario teme un dittatore immortale digitale

CONDIVIDI
Valentina Samà
Progettare, creare e stupire è la sua passione. Dopo il diploma di Grafico Pubblicitario e varie esperienze in Digital Marketing and Social Media Marketing, diventa content editor in Business.it. Ama l'arte e il disegno e scrivere sarà la sua nuova sfida.