Lifestyle

Facebook a pagamento? Sì, se lo vuoi senza pubblicità

La notizia è abbastanza clamorosa. Facebook sta pensando seriamente ad una versione a pagamento della sua App per gli utenti che non vogliono visualizzare annunci pubblicitari. Lo suggeriscono alcuni rapporti che circolano da un po’ negli Stati Uniti. Facebook ha condotto ricerche di mercato per determinare se un modello di abbonamento senza pubblicità sarebbe popolare tra gli utenti. In precedenza, l’azienda di Menlo Park ha rifiutato di utilizzare un modello a pagamento dopo aver esaminato se uno potesse essere implementato. Facebook ad oggi è gratuito in tutto il mondo per tutti i suoi 1,5 miliardi di utenti. È improbabile che il gigante tecnologico addebiti tutti i suoi utenti, ma potrebbe guardare presto ad un modello di abbonamento senza pubblicità come opzione per coloro che scelgono di iscriversi per la prima volta. In questo modo potrebbe testare live e non con un sondaggio il gradimento di questa opzione. Nella sua audizione in aprile al Congresso USA il Ceo di Facebook Mark Zuckerberg aveva affermato che «ci sarà sempre una versione di Facebook gratuita in qualche modo». I ricavi pubblicitari di Facebook nel primo trimestre 2018 sono stati 11,8 miliardi di dollari, in crescita del 50% rispetto allo stesso periodo del 2017.

facebook valuta versione senza pubblicità ma a pagamento
Perché una versione di Facebook senza pubblicità

Ora, Facebook pensa che il sentimento dei consumatori stia cambiando. La società sta affrontando una crisi di fiducia pubblica dopo lo scandalo dei dati ceduti a Cambridge Analytica. L’azienda con sede a Menlo Park, in California, sta conducendo un’ampia revisione della sua attività per identificare i modi per chiudere potenziali falle nella sicurezza e, più in generale, riguadagnare la fiducia degli utenti e migliorare la loro esperienza. La società è stata ricettiva a cambiamenti che persino un anno fa sarebbero stati impensabili, come ad esempio classificare gli editori di notizie per affidabilità e consentire l’up-voting e il down-voting sui commenti.
I dirigenti hanno anche dovuto affrontare domande difficili da parte dei dipendenti, come ad esempio se Facebook dovesse offrire pubblicità politica a tutti. Il responsabile operativo di Facebook Sheryl Sandberg ha dichiarato a Bloomberg il mese scorso che il social network dovrebbe continuare ad accettare annunci politici per promuovere la libertà di espressione. Zuckerberg e Sandberg hanno speso gran parte del guadagno del primo trimestre di Facebook reclamando i benefici della rete supportata dalla pubblicità, che, hanno detto, consente all’azienda di raggiungere il maggior numero di persone, a tutti i livelli di reddito. Ma non è l’unico modo per gestire il business. «Abbiamo sicuramente pensato a molte altre forme di monetizzazione, inclusi gli abbonamenti, e continueremo sempre a considerare tutto», ha affermato Sandberg.
Leggi anche: Facebook usa le tue foto di Instagram per addestrare algoritmi di AI