Lifestyle

Facebook utilizza le tue immagini Instagram per addestrare algoritmi di intelligenza artificiale

Le tue foto su Instagram di un piatto di pancake perfettamente composto o di un tramonto mozzafiato stanno aiutando Facebook ad addestrare i suoi algoritmi di intelligenza artificiale. Lo ha annunciato Facebook stessa nel corso della annuale conferenza dei suoi sviluppatori, F8. Facebook afferma che l’approccio, che elimina le immagini dagli hashtag disponibili pubblicamente, è un modo per “ammassare” e formare software con miliardi di immagini senza la necessità che gli operatori umani analizzino laboriosamente i dati e li annotino. Il risultato finale è un sistema che ha creato algoritmi in grado, secondo Facebook, di superare i benchmark del settore ai massimi livelli. «Ci basiamo quasi interamente su set di dati taggati con mano umana. Se una persona non ha speso tempo per etichettare qualcosa di specifico in un’immagine, anche i sistemi di visione artificiale più avanzati non saranno in grado di identificarlo», ha detto Mike Schroepfer, CTO di Facebook, sul palco di F8. Ma usando le immagini di Instagram che sono già etichettate come hashtag, Facebook è stata in grado di raccogliere dati rilevanti e usarli per addestrare i suoi modelli di visione artificiale e di riconoscimento degli oggetti. «Abbiamo prodotto risultati all’avanguardia che vanno dall’1 al 2% in più rispetto a qualsiasi altro sistema sul benchmark ImageNet», hanno fatto sapere da Menlo Park.

Facebook utilizza le tue immagini Instagram per addestrare algoritmi di intelligenza artificiale
Ok, ma la privacy?

È un approccio pratico, ma che solleva alcune interessanti domande sulla privacy e sul vantaggio competitivo di Facebook. Dal momento che possiede e gestisce una piattaforma così ampia che comprende miliardi di utenti su app come Instagram, WhatsApp e Messenger, Facebook ha accesso a testi e immagini estremamente preziosi che può utilizzare per informare i suoi modelli di AI, purché quel testo e quelle immagini siano condivisi pubblicamente. Ma gli utenti potrebbero non essere necessariamente consapevoli del fatto che i dati pubblici che hanno condiviso vengono estratti per costruire sistemi di intelligenza artificiale e non solo per pubblicare annunci pubblicitari. Naturalmente, Facebook sta estraendo solo dati basati su oggetti al momento e non sta necessariamente cercando di trarre conclusioni sul comportamento degli utenti dai contenuti delle foto. Ma come sappiamo con il sistema di riconoscimento facciale di Facebook che tagga automaticamente le foto l’azienda conosce bene il valore di essere in grado di capire chi sono gli utenti e dove sono nel mondo.

Lo scopo? Migliorare la moderazione

Su una scala più ampia, Facebook sta costruendo questi sistemi di AI principalmente per migliorare la moderazione. Oltre a 20.000 nuovi moderatori umani per la sua piattaforma, Facebook è sempre più alla ricerca di automazione dopo la debacle subita con le interferenze elettorali della Russia, lo scandalo sulla privacy dei dati di Cambridge Analytica e ad altre vicende poco edificanti come quella dei post razzisti contro la minoranza Rohingya in Myanmar. «Fino a poco tempo fa dovevamo fare affidamento su rapporti a lunga distanza. Abbiamo dovuto aspettare che qualcosa di brutto venisse notato da qualcuno e fare qualcosa al riguardo», ha detto Schroepfer. «Ora – ha aggiunto il CTO di Facebook – la maggior parte della moderazione viene gestita da AI» e questo sta aiutando lo schermo della società contro propaganda terroristica, nudità, violenza, spam e incitamento all’odio«Questo è il motivo per cui siamo così concentrati sulla ricerca di base sull’AI. Necessitiamo di nuove scoperte e abbiamo bisogno di nuove tecnologie per risolvere i problemi che tutti noi vogliamo risolvere», ha concluso il responsabile tecnico di Facebook.
Leggi anche: Facebook, aggiornamento condizioni e privacy