Social

Facebook: chiede alle banche di condividere i dati sulle abitudini di spesa dei clienti

Facebook non si accontenta di sapere solo chi sei, cosa fai, dove vai e con chi parli. Vuole anche sapere come spendi i tuoi soldi. Facebook il gigante dei social media ha chiesto alle grandi banche statunitensi di condividere informazioni finanziarie dettagliate sui loro clienti, comprese le transazioni con carta e i saldi dei conti correnti, come parte di uno sforzo per offrire nuovi servizi agli utenti. Facebook vuole sempre più essere una piattaforma dove le persone comprano e vendono beni.

facebook-dati-banche

Facebook sta chiedendo alle banche di allearsi

Le azioni di Facebook Inc. sono cresciute con ottimismo sul fatto che la società sta instaurando rapporti più profondi con le banche per offrire prodotti di customer service tramite la sua applicazione di chat di Messenger, un’impresa che potrebbe stimolare l’impegno man mano che la crescita rallenta sul suo principale social network. Facebook ha chiesto alle grandi banche statunitensi tra cui JP Morgan Chase, Wells Fargo e Citigroup, di condividere informazioni finanziarie dettagliate sui clienti nel tentativo di aumentare il coinvolgimento degli utenti. In cambio dei dati finanziari, Facebook sta offrendo alle banche una presenza sulla sua app Messenger, hanno riferito fonti del Wall Street Journal. L’app Messenger vanta di 1,3 miliardi di utenti. Gli utenti di Messenger possono già inviare e ricevere denaro tramite l’app. Gli utenti devono collegarlo al proprio conto bancario.

Leggi anche: Facebook e privacy: amministratori delle pagine Facebook responsabili per la Corte Ue

Facebook ha lavorato per anni per rendere Messenger un luogo naturale in cui i consumatori possono comunicare con le aziende, con l’obiettivo di sostituire la posta elettronica. I clienti che accedono possono già ricevere alcune carte d’imbarco della compagnia aerea e ricevute dalle transazioni PayPal su Messenger. Per fare lo stesso con le grandi banche, Facebook ha cercato di convincerli che le conversazioni saranno sicure e che i dati personali dei clienti non verranno utilizzati nella pubblicità.  “Il collegamento all’account consente alle persone di ricevere aggiornamenti in tempo reale su Facebook Messenger in cui le persone possono tenere traccia dei loro dati di transazione come saldi contabili, ricevute e aggiornamenti di spedizione”, ha detto lunedì in una nota. 

facebook-dati-banche

Possono anche usarlo per contattare direttamente i rappresentanti del servizio clienti dei partner della carta di credito di Facebook. Forse Messenger potrebbe fungere anche da canale di comunicazione per le banche. Facebook ha anche suggerito che potrebbe forse integrare gli avvisi di frode o il saldo dell’account delle banche nell’app. Quindi, è così che questa partnership potrebbe andare a beneficio delle banche. Nel frattempo, Facebook sta chiedendo alle banche di allearsi in modo che gli utenti vogliano passare la maggior parte del tempo su Messenger. Finora, le banche hanno declinato l’offerta di Facebook di una partnership. Almeno uno ha citato le preoccupazioni sulla privacy dei clienti. Facebook ha dimostrato più volte di avere una certa libertà con i dati degli utenti e collegare Messenger ai server delle banche per fornire queste informazioni in tempo reale non è esattamente il massimo.

Leggi anche: Facebook perde 123 miliardi di dollari di valore in una sola notte

Anche se Facebook ha consolidato il comfort degli utenti con la condivisione di informazioni finanziarie attraverso il suo sito per anni. Consente già il trasferimento di denaro tra amici e transazioni di e-commerce con le imprese tramite Messenger. Permette inoltre alle persone di comprare e vendere oggetti attraverso il Marketplace, la sua versione di Craigslist. E quelli su Facebook sono diventati più a loro agio nell’usare le loro carte di credito nei notiziari a causa di un prodotto che consente alle persone di chiedere ai loro amici di donare a cause caritatevoli. Il gigante dei social media ha stretto una partnership con American Express Co. nel 2016 per consentire ai clienti di vedere gli acquisti passati, controllare i saldi delle carte e conoscere vantaggi e benefici tramite Messenger. L’anno scorso, Wells Fargo ha dichiarato che il suo chatbot su Messenger potrebbe consentire ai clienti di vedere quanto hanno speso su determinati articoli in un determinato periodo di tempo o di trovare la posizione del bancomat più vicino. Ma vogliamo davvero offrire agli hacker un altro modo per ottenere i nostri fondi?

Leggi anche: Facebook e Instagram: ecco quanto tempo dedichi a ciascuna app