People

Conte chiama, Fedez e Ferragni rispondono: “Ecco come aiuteremo il premier”

Una di quelle telefonata che non ti aspetti. Cosa c’entrano insieme il presidente del Consiglio Giuseppe Conte, il rapper Fedez e l’influencer Chiara Ferragn? Lo rivelano proprio loro due, la coppia più seguita sui social italiani: “Ieri abbiamo ricevuto una telefonata molto inaspettata. Siamo stati messi in contatto con il presidente del Consiglio Conte che ha chiesto un aiuto da parte mia e di mia moglie: se queste stories, anche in piccolissima parte riusciranno a essere utili, io non posso che esserne contento. Ci è stato chiesto un aiuto sull’esortare la popolazione, soprattutto quella più giovane, a utilizzare la mascherina”.

Fedez e Chiara Ferragni i destinatari della telefonata del premier, che ha scelto la coppia di influencer più popolare oggi in Italia per raggiungere quanti più ragazzi e sensibilizzarli sull’uso della mascherina per diminuire l’effetto di questa seconda ondata del coronavirus. A raccontarlo è proprio Fedez, in alcune stories su Instagram: “Ci troviamo in una situazione molto molto delicata e l’Italia non si può permettere nella maniera più assoluta un nuovo lockdown”.

Ha aggiunto Fedez: “Il destino e il futuro dell’Italia è nelle mani della responsabilità individuale di ognuno di noi. Con un semplice gesto potremo evitare lo scenario tra i più brutti che abbiamo vissuto negli scorsi mesi. Mi raccomando ragazzi, utilizzate la mascherina”. Non potevano di certo rifiutare un invito così importante da parte del presidente del Consiglio, però Fedez e Ferragni dando subito la loro disponibilità hanno dimostrato un grande senso di responsabilità e di rispetto per le istituzioni.

Qualche giorno fa Fedez era di nuovo sceso in campo, stavolta al fianco dei lavoratori del mondo dello spettacolo, uno dei settori più colpiti dalla crisi e dal primo lockdown. Il rapper aveva lanciato un appello a tutti i suoi colleghi vip di creare un fondo comune per sostenere queste persone e le loro famiglie.

Ti potrebbe interessare anche: Morgan: “Mi candido sindaco a Milano. Io di sinistra, ma Salvini non mi dispiace”