Tecnologia

Fibra ottica: quali vantaggi concreti offre e come sceglierla

Le tecnologie digitali sono ormai diventate parti integranti della nostra vita quotidiana e sono sempre più avanzate, rispondendo a tutte le esigenze personali e professionali. Per godere di prestazioni ottimali, però, richiedono sempre più banda; emerge quindi la necessità di scegliere una connessione che sia in grado di assicurare un funzionamento adeguato all’uso intensivo previsto.

La fibra ottica è una tipologia di connessione che può assicurare tutto questo: vediamo quali vantaggi offre rispetto alla normale connessione ADSL e in che modo sceglierla.

Leggi anche: Gestore telefonico: l’offerta incredibile di Iliad per il mercato italiano

Tutti i vantaggi della fibra ottica

Per prima cosa, la fibra ottica è una connessione altamente affidabile, in quanto non soffre di interruzioni di segnale né di altri inconvenienti di tipo tecnico. La sua stabilità è infatti assicurata dalla presenza di cavi in fibra di vetro, che consentono di fornire un servizio nettamente migliore rispetto a quelli in rame, riducendo allo stesso tempo le spese relative alla manutenzione.

Il secondo vantaggio garantito dalla fibra ottica, dovuto proprio alla diversa composizione dei cavi, è la possibilità di navigare a velocità elevate (fino a 1000 Mbps) che sarebbero impossibili da raggiungere con la tradizionale connessione ADSL.

Le reti in fibra ottica, poi, essendo più larghe, possono trasmettere i dati molto più velocemente e per tratte maggiori senza perdere valori di efficienza. Inoltre si prevede che in futuro, grazie a questa tecnologia di connessione, si potrà arrivare a una velocità di ben 40 Gbps.

Leggi anche: Qual è la situazione della banda ultralarga in italia? I dati del Rapporto I-Com 2017

banda larga

Cosa considerare in fase di scelta

Trattandosi di una tecnologia avanzata, i costi sono ovviamente maggiori rispetto a quelli richiesti dall’ADSL. Sul mercato, però, sono presenti numerose proposte di offerte di provider diversi; inoltre, è possibile risparmiare sulla fibra ottica con lo strumento di confronto di Facile.it, per esempio, utile per confrontarle tra loro e scegliere il piano tariffario che più si adatta al budget e alle esigenze personali.

In fase di scelta della connessione in fibra è necessario valutare anche la tipologia di pacchetto da attivare, il quale inciderà ovviamente sui costi. A seconda delle esigenze specifiche, infatti, si potrà scegliere tra una tariffa fissa mensile ( “flat”) e una a consumo, che prevede invece un costo finale proporzionato al tempo di utilizzo effettivo.

Un altro aspetto importante da considerare in fase di scelta è la velocità di connessione offerta dall’operatore scelto, in particolare la velocità di download e upload. Solitamente quella di download si aggira tra i 50-100 Mbps (anche se in alcune città è possibile arrivare a 1000 Mbps), più che sufficiente per un uso normale della connessione ma non per un uso intensivo della rete (come nel caso del gaming online o dello streaming video molto frequente); la velocità media di upload, invece, è di 10-20 Mbps