Economia

Nuova strategia per il Made in Italy? Mettere al centro l’agroalimentare

Si parla sempre più spesso dell’importanza del cosiddetto “Made in Italy”. Ma a che punto siamo? Quanto il nostro paese è riuscito a brandizzare il marchio Italia a partire dalla filiera agroalimentare? L’Italia riesce a sfruttare tutto il suo potenziale o è nettamente al di sotto delle aspettative? Queste domande sono essenziali per lo sviluppo dell’intero Paese e sono le questioni al centro del meeting che si svolgerà a Roma, giovedì 18 Ottobre 2018, a Piazza Santa Chiara 14, a partire dalle ore 10.

La filiera agroalimentare al centro della nuova strategia per il Made in Italy. Saranno presenti: Centinaio, Pesce, De Castro, Gallinella, Vallardi, Gradara, Scanavino, Giansanti, Verrascina, Mercuri, Granieri, Rummo e De Girolamo. Promuovere le produzione italiane, difenderle dalla contraffazione e dall’Italian Sounding, rafforzare il nostro peso in Europa, rendere la filiera sempre più competitiva garantendo un’adeguata remunerazione per imprenditori e lavoratori, tutelare i consumatori con cibo sicuro e di qualità, migliorare l’export creando un sistema Paese più efficace.

Far diventare la filiera agroalimentare un formidabile volano di sviluppo per il Made in Italy e per la crescita. Di tutto ciò, su iniziativa della casa editrice Edagricole che celebra gli 80 anni del settimanale Terra è Vita, discuteranno Giovedi 18 Ottobre alle ore 10, presso l’auditorium Santa Chiara a Roma, le istituzioni, il governo, le principali associazioni del mondo agricolo, gli industriali e i distributori.

Uno studio di Nomisma preparato per l’occasione introdurrà il dibattito dove in Panel dedicati interverranno: il Sottosegretario alle politiche agricole forestali e del turismo Alessandra Pesce, il Vicepresidente della Commissione agricoltura del Parlamento Europeo Paolo De Castro, il Presidente della Commissione agricoltura della Camera Filippo Gallinella, il Presidente della Commissione agricoltura del Senato Giampaolo Vallardi, il Presidente di Confagricoltura Massimiliano Giansanti, l’industriale Cosimo Rummo.

Ci saranno anche l’ex Ministro dell’agricoltura Nunzia De Girolamo,il Presidente di Coldiretti Lazio David Granieri, il Presidente di Federdistribuzione Claudio Gradara, il Presidente della Cia Dino Scanavino, il Presidente di Copagri Francesco Verrascina, il Presidente di Alleanza Cooperative Agroalimentari Giorgio Mercuri.

A tirare le somme sarà il Ministro Gianmarco Centinaio intervistato dai giornalisti Alessandro Giuli e Fabrizio Ratiglia. Un evento molto interessante che può dare spazio non solo ad analisi su quanto fatto fin qui, ma che può gettare le basi per una strategia futura tesa a migliorare l’intera filiera del Made in Italy.

 

Ti potrebbe interessare anche: Come ti cucino la Rai: la ricetta di Salvini per rivoluzionare la tv (e fregare il povero Di Maio)