formula-uno-halo

La novità della Formula uno si chiama Halo, sembra quasi un’enorme infradito

Un importante punto di discussione per il campionato mondiale di Formula 1 2018 è stato l’introduzione del sistema di protezione del driver Halo, un prototipo di alone, progettato per offrire maggiore protezione per il conducente. L’abbiamo visto correre con i piloti durante il Gran Premio d’Australia di domenica a Melbourn.

L’ente governativo della Motorsport (la FIA), ha iniziato a testare il sistema prima della stagione 2016, l’ha finalmente approvato a luglio 2017 in seguito ad una riunione del suo gruppo strategico a cui hanno partecipato tutti i team di F1. La FIA ha dichiarato che Halo è stato scelto perché ha presentato le migliori prestazioni di sicurezza complessive.

Perché la protezione della cabina di pilotaggio Halo non piace a nessuno? La maggior parte di noi può essere d’accordo sul fatto che la Formula 1 abbia bisogno di una sorta di protezione della cabina di pilotaggio sulle sue auto da corsa storicamente aperte. Ma dopo due anni di sviluppo, non tutti sono d’accordo sulla “halo” che la F1 ha deciso di seguire. Quindi, la FIA ha deciso di illuminarci con tutti i motivi per cui ha scelto questa strana cosa dall’aspetto a braccio di ferro.

formula-uno-halo

Leggi anche: Auto su Marte: ora Elon Musk vuole spedire la Tesla Roadster sul pianeta rosso

La sicurezza negli sport motoristici è una preoccupazione fondamentale per la FIA e nonostante i grandi passi in avanti compiuti in molti settori dello sport motoristico, la protezione della testa nella competizione monoposto è stata un’area di preoccupazione per molti anni.

Lo sport motoristico per sua natura comporta dei rischi ma è la missione della FIA, in quanto organo direttivo dello sport, di sforzarsi continuamente per ridurre al minimo tale rischio attraverso la costante ricerca di una maggiore sicurezza in pista attraverso una ricerca solida e lo sviluppo tecnologico.

L’Halo, provato più volte nel 2016, aveva raccolto pareri discordanti tra i piloti e nella nota ufficiale FIA si legge che “alcuni caratteristiche del design verranno migliorate”. Negli ultimi cinque anni sono stati testati diversi tipi di protezione e ora “è diventato chiaro quanto l’Halo garantisca le migliori performance in fatto di sicurezza, pertanto Halo è la soluzione migliore”.

I test di Halo hanno continuato a dimostrarsi efficaci. Concentrandosi su tre principali tipi di rischio significativi, contatto car-to-car, contatto car-to-environment e oggetti esterni, i test hanno rivelato che nel caso di incidenti car-to-car l’Halo era in grado di sopportare 15x il carico statico della massa totale della macchina ed è stato in grado di ridurre significativamente il potenziale di lesioni.

L’Halo, proposto per la prima volta da Mercedes AMG, è costituito da una struttura tubolare in carbonio montata sopra il cockpit. A causa della vicinanza del puntone centrale al conducente, ha scarso effetto sulla visibilità. La Red Bull Racing è stata una delle voci più critiche di Halo, con la squadra che sosteneva che un elmetto di guida poteva entrare in contatto con una delle barre protettive.

Leggi anche: Auto del futuro: Ford, arriva la volante senza poliziotti

formula-uno-haloGli organizzatori sono stati incoraggiati a migliorare la sicurezza della F1 dopo la morte del pilota IndyCar Justin Wilson nel 2015. Il britannico è morto dopo essere stato colpito alla testa da un pezzo di detriti durante una gara. Una terza proposta che si è rivelata impopolare era una vela a forma di jet-jet.

Altre questioni discusse nell’incontro più recente della FIA riguardante la F1 includevano nuove regole sulle unità di potenza per la stagione 2021, controllo dei costi e misure per migliorare lo spettacolo per i tifosi.

Il dispositivo per la sicurezza costerà ad ogni squadra fra i 13.000 e i 23.000 dollari USA per ciascun esemplare acquistato. A riportarlo è la testata Auto Motor und Sport, la quale riferisce che la Force India è quella che più sta portando la questione all’attenzione della media. A distribuire direttamente Halo alle squadre dopo averlo commissionato ad un unico produttore sarà la stessa FIA.

“Tutto ciò ci costerà realmente del denaro” – riporta il magazine tedesco citando un membro della compagine anglo indiana – Ad ogni crash test in cui Halo verrà danneggiato dovremo sostituirlo automaticamente”. Motivo per il quale l’implementazione del dispositivo innescherà un maggiore impiego di risorse economiche. 

Leggi anche: Formula e gen 2: nuova auto elettrica, progressi nella tecnologia

CONDIVIDI
Valentina Samà
Progettare, creare e stupire è la sua passione. Dopo il diploma di Grafico Pubblicitario e varie esperienze in Digital Marketing and Social Media Marketing, diventa content editor in Business.it. Ama l'arte e il disegno e scrivere sarà la sua nuova sfida.