Interni

Caso Morisi, Storace attacca Fornero: “Disgustose parole”

Il caso Morisi continua a far discutere. Con il passare dei giorni emergono nuovi particolari sull’inchiesta della procura di Verona che vede indagato per cessione di sostanze stupefacenti il creatore della Bestia social salviniana. A tornare sulla vicenda è anche Elsa Fornero. Ospite di Giovanni Floris a Dimartedì, l’ex ministro del Lavoro del governo Monti si toglie diversi sassolini dalla scarpa contro il suo storico avversario politico Matteo Salvini. Un giudizio durissimo, rispedito però al mittente con altrettanta durezza dal vicedirettore de Il Tempo, Francesco Storace.

Elsa Fornero a Dimartedì

Nella serata del 28 settembre, Elsa Fornero commenta a Dimartedì le vecchie immagini delle manifestazioni leghiste contro di lei, alle quali partecipava anche Salvini. “La mia vicenda personale mi ha insegnato a non provare risentimento. – queste le sue parole – Forse provo anche pena per la vicenda di Salvini. Il punto è che quella macchina, Bestia o Bestiaccia, è durata troppo a lungo. Era una macchina per creare odio”. Il leader della Lega le sembra “una persona sconfitta che reagisce in una maniera che neanche lui sa giudicare”.

Insomma, una vendetta politica consumata a freddo, quella della Fornero nei confronti di Salvini, dopo le aspre polemiche leghiste su pensioni, esodati e quota 100. Ma l’atteggiamento di rivalsa dell’ex ministro montiano non va giù a Storace. “Ha rovinato gli italiani e ancora spara sentenze”, scrive il giornalista ed ex politico su Twitter. “Non pare vere a Elsa Fornero di attaccare Matteo Salvini per le vicende che riguardano la vita privata di Luca Morisi”, attacca poi sul suo giornale.

“Ieri si è esibita col suo ghigno da Floris per sparare a zero. – affonda il colpo Storace – lei, signora ex ministro, alle persone in difficoltà regalò la triste storia degli esodati. Massacrando le pensioni degli italiani”. Tornando sulla parola “pena” utilizzata dalla professoressa per Salvini, Storace la bacchetta: “Tra gli esodati ci furono persone che si tolsero la vita e chissà se la Fornero provò invece pena per il loro destino e quello delle loro famiglie. A volte è meglio tacere anziché vomitare espressioni disgustose”.

Potrebbe interessarti anche: Fornero durissima contro Salvini: “A volte mi chiedo se ci fa o ci è”