Social

Omicidio Carol Maltesi: Zelig caccia Pietro Diomede e Gassmann lo attacca

L’omicidio di Carol Maltesi ha sconvolto tutta Italia. Troppo raccapriccianti i particolari dell’uccisione della ragazza che in arte si faceva chiamare Charlotte Angie. Il suo aguzzino, Davide Fontana, l’ha uccisa nel gennaio scorso a Rescaldina, nel Milanese, per poi farne a pezzi il corpo e conservarne i resti per due mesi nel suo congelatore. La barbara vicenda si è conclusa quando Fontana ha deciso di gettare i resti della pornostar in un dirupo a Borno, provincia di Brescia, ma è stato scoperto. Tra gli infiniti commenti alla vicenda comparsi sui social, sta scatenando un putiferio quello del comico Pietro Diomede. Il locale milanese Zelig lo caccia. Mentre l’attore Alessandro Gassmann lo attacca sui social.

Pietro Diomede

Pietro Diomede è al centro di una bufera social per una serie di tweet ritenuti da molti di cattivo gusto. Uno in cui fa un accostamento tra il presunto avvelenamento dell’oligarca russo Roman Abramovich e la malattia di Bebe Vio. Altri due sullo schiaffo di Will Smith a Chris Rock, giudicati misogini e razzisti. Ma è l’ultimo cinguettio che fa esplodere il web. “Che il cadavere di una pornostar fatta a pezzi venga riconosciuto dai tatuaggi e non dal diametro del buco del c… non gioca a favore della fama della vittima”, twitta infatti Diomede riferendosi a Carol Maltesi.

Travolto dalle segnalazioni degli utenti sul suo account ufficiale, lo storico locale milanese Zelig, che il prossimo 12 aprile avrebbe dovuto ospitare uno spettacolo di Pietro Diomede, annuncia provvedimenti. “Abbiamo ricevuto segnalazioni in seguito al tweet di un artista che avrebbe dovuto esibirsi presso lo Zelig il 12 Aprile. – fanno sapere quelli dello Zelig – Ci dissociamo completamente da quel tweet, che disapproviamo nella maniera più assoluta. Di conseguenza, l’artista è stato escluso dalla programmazione Zelig”.

Ma ad attaccare frontalmente il comico per la sua battuta a dir poco infelice è anche l’attore Alessandro Gassmann. “Io penso che lei rappresenti a pieno, il gradino più basso e repellente della specie umana. Si vergogni e chieda scusa alla famiglia della vittima”, lo accusa Gassmann su Twitter.

Potrebbe interessarti anche: Spesa militare al 2% del Pil, Gassmann scatena la bufera social: “Not in my name”

Torna su