Interni

Genova rialza la testa: pronti i primi 50 metri del nuovo ponte

I primi cinquanta metri di strada del nuovo ponte di Genova sono pronti. L’inizio di un percorso particolarmente atteso in una città costretta ancora a fare i conti con il fantasma del crollo dello scorso 14 agosto 2018. Nelle prossime ore ci sarà il “varo in quota” del primo tratto della struttura, che per essere transitabile avrà bisogno di altre diciotto campate. Nel capoluogo ligure è tornato per l’occasione il premier Giuseppe Conte, questa volta accompagnato dalla neo ministra delle Infrastrutture Paola De Micheli.

Con loro anche il commissario straordinario per la ricostruzione Marco Bucci e il governatore Giovanni Toti. Assisteranno al sollevamento del cosiddetto “impalcato”, cioè la strada e la struttura su cui poggia: 50 metri di lunghezza per cinque di altezza e 26 di larghezza per un peso totale di 550 tonnellate. Un pezzo di viadotto (il lungo in totale più di un chilometro) che verrà posato su due pile in cemento armato alte 45 metri, le sole al momento ultimate delle 18 previste.
Ad assistere ci sarà anche Renzo Piano, che ha firmato il progetto pensando a una grande nave ormeggiata nella valle, con una sorta di lunga chiglia sotto la strada, della quale si potrà dunque vedere una porzione. Per il sollevamento dell’impalcato verranno utilizzate due grandi gru mobili da 600 tonnellate di portata e con la stessa tecnica saranno piazzate anche le altre 15 campate da 50 metri (due un po’ più corte), mentre per le tre da 100 (quelli centrali, sopra il torrente Polcevera e la ferrovia) si ricorrerà ad altri macchinari perché in quel caso l’intervento sarà più importante: 1.600 tonnellate, un record.La tabella di marcia della ricostruzione è al momento rispettata. Entro fine anno si prevede di issare l’intero impalcato, cosicché il nuovo ponte a forma di nave sarà visibile nella sua interezza. Il cronoprogramma ha invece fissato al prossimo 15 aprile il collaudo della nuova infrastruttura, mentre per la riapertura al traffico potrebbe servire ancora qualche mese. Quella sarà la data dell’inaugurazione ufficiale.

La silenziosa strage degli elefanti in Sri Lanka: 7 animali morti in pochi giorni