Esteri

Dopo la Merkel? C’è Merz, ecco chi è: passato, vita privata e idee politiche

Tutti ora lo chiamano il “Macron tedesco”. Chissà se è un bene. Fatto sta che il dopo Merkel è lui: Friedrich Merz. Sessantadue anni, europeista spinto, più liberale che sociale, più per il privato e meno per il pubblico. Devoto alla globalizzazione e alla digitalizzazione, favorevole all’immigrazione a sostegno del mercato del lavoro ma duro contro l’immigrazione clandestina e i rifugiati. Si dichiara attento al cambiamento climatico, favorevole alla protezione dell’ambiente, strizzando l’occhio ai Verdi.

Pro-Usa e pro-Brexit fintantoché l’uscita del Regno Unito dalla Ue rappresenti un’opportunità per l’Europa, per progredire nella difesa europea e sulla sicurezza europea, per la creazione di una importante piazza finanziaria europea e una Borsa europea. Friedrich Merz, il 62enne candidato alla presidenza della Cdu è tutto questo.

L’europeismo di Merz è molto più vicino a Macron e ai Die Gruenen e meno alla Merkel degli ultimi tempi, distratta e preoccupata dall’ascesa dell’Afd e dal populismo. Merz è apertamente a favore di un’Europa politicamente unita, che vada oltre l’unione monetaria. Merz si è già espresso fortemente a favore di un’unione europea più forte nell’economia, nel lavoro e nel sociale. E si è detto rammaricato che la Germania non abbia ancora risposto a Macron a dovere sull’Agenda Europea: Macron sta aspettando una risposta, che la Germania di Merz darebbe subito.

Il soprannome “Anti-Merkel” è un’etichetta che è rimasta attaccata a Merz dal 2002, quando la neo-presidente della Cdu lo fece dimettere da capo del gruppo parlamentare Cdu-Csu, temendolo già allora come rivale. Merz, che dal 2009 è uscito dalla vita politica del Paese a livello federale e dal Bundestag, si ripresenta ora come candidato alla guida della Cdu diverso anti-Merkel non nella sostanza ma nel modo in cui intende dare nuovo vigore e nuovo dinamismo a un partito che non ha visto i consensi elettorali crollare dal 40% del 2013 al 25%.

Merz ha assicurato di poter lavorare molto bene con la Merkel cancelliera e lui leader della Cdu: resta da vedere se lei pensa altrettanto. Merz è un avvocato di successo e partner dello studio legale Mayer Brown. Ma è anche il responsabile per Brexit nel governo del Land Renania Settentrionale-Vestfalia: il suo piano è di attrarre le aziende europee che lasceranno Londra dopo Brexit e portarle a Düsseldorf. E ora ha già detto che Francoforte dovrebbe diventare la nuova Londra: non molto si è fatto finora in quella direzione.

Originario di una zona montuosa nella parte sudorientale del NordReno Westfalia, nell’ovest del paese, Merz è sposato ed è padre di tre figli. Ha dedicato gran parte della sua vita al settore dell’impresa ed è membro di numerosi consigli di amministrazione, tra cui di IVG Immobilien, di Commerzbank, del Borussia Dortmund e dell’aeroporto Colonia/Bonn. È sposato ed è padre di tre figli.

 

Ti potrebbe interessare anche: L’Angela caduta: l’ultimo atto della Merkel, la donna che ha cambiato l’Europa. Una storia unica