Europa

Germania, torna il lockdown: paura per i nuovi focolai di coronavirus

La Germania ha introdotto un nuovo lockdown. Al momento le restrizioni coinvolgono il distretto di Guetersloh, nella Renania del Nord Westfalia, e saranno valide fino alla fine di giugno. Il nuovo focolaio di COVID-19 scoppiato a partire da un mattatoio sta preoccupando la Germania: ieri sera anche in un condominio del quartiere di Friedrichshain, a Berlino, 44 persone sono state contagiate dal coronavirus. Le famiglie sono state messe in quarantena e test saranno effettuati nelle scuole e nei centri sportivi frequentati dai bambini contagiati. Il nuovo lockdown imporrà il divieto per i raduni, verranno chiuse le palestre e sospesi gli eventi culturali.

Ad annunciarlo è stato Karl-Josef Laumann, ministro della Sanità del NordReno Westfalia, primo Land della Germania che riporta in vigore le misure da lockdown. Warendorf chiuderà anche le scuole a partire da giovedì, provvedimento già adottato a Guetersloh. In tutto, spiega Repubblica, le restrizioni dovrebbero toccare 600mila persone: “Il governatore del Nordreno-Westfalia, Armin Laschet, ha deciso di blindare l’area intorno al nuovo super focolaio tedesco, il mattatoio Toennies dove è riesplosa la pandemia che ha infettato più di 1.500 lavoratori”.

“Lo scopo è ampliare i test per capire se il virus si è diffuso anche nella popolazione”, ha puntualizzato ieri, annunciando tamponi a tappeto per tutti gli abitanti dell’area. Al di fuori del macello dove era ricomparso il virus, i contagiati sembrano limitati a due dozzine, finora. Ma si tratta del “più importante” focolaio scoperto in questa fase di allentamento delle restrizioni, come ha sottolineato il governatore del land più popoloso della Germania. E il Paese di Angela Merkel si è trovato ieri costretto, per la prima volta, a decidere un nuovo lockdown.

Centinaia di poliziotti e anche unità della Bundeswehr, l’esercito federale, sono stati inviati nel distretto allo scopo di controllare il rispetto della quarantena. E intanto il fattore di riproduzione del Covid 19 R0 è salito nei giorni scorsi e oggi è 1,83. Lo ha detto il presidente del Robert Koch Institut, Lothar Wieler, in conferenza stampa a Berlino. L’aumento del fattore potrebbe dipendere da alcuni grandi focolai esplosi in Germania.

 

Ti potrebbe interessare anche: “Caro Alex, prego per te”. La tenera lettera di papa Francesco a Zanardi