People

L’annuncio di Gino Strada: “Emergency subito al lavoro in Calabria: grazie al governo”

Arriva l’annuncio di Gino Strada, finalmente. È stato infatti siglato l’accordo tra Emergency e Protezione Civile per l’emergenza sanitaria in Calabria: “Oggi pomeriggio abbiamo definito un accordo di collaborazione tra Emergency e Protezione civile per contribuire concretamente a rispondere all’emergenza sanitaria in Calabria. Inizieremo subito a lavorare a un progetto da far partire al più presto. Ringrazio il Governo per la stima che ha dimostrato per il lavoro di Emergency e le tante persone che ci hanno dato fiducia, offrendo da subito il loro sostegno”, scrive Gino Strada.

“Considerando l’evoluzione della situazione epidemiologica in atto – dichiara il dipartimento della Protezione Civile – si è ritenuto che l’associazione Emergency possa contribuire a rispondere ad urgenti esigenze di assistenza socio-sanitaria alla popolazione, come la gestione di strutture ospedaliere da campo o il supporto all’interno dei Covid hotel, nonché nei punti di triage delle strutture ospedaliere. Già a partire dalla giornata di mercoledì l’associazione sarà attiva sul territorio”.

“Con Gino Strada ci sono state nelle ultime ore delle interlocuzioni importanti e io credo che il suo contributo sarà sicuramente importante per questa sfida in Calabria”. Lo ha detto il ministro della Salute, Roberto Speranza a ‘Cartabianca’ aggiungendo che “nelle prossime ore valuteremo con lui e con la sua squadra quali saranno le modalità più opportune per svolgere questo impegno”. Quando si “maneggia” un nome come quello di Gino Strada, che è un “patrimonio”, “prima si decide, ci si accerta, e poi si fanno i nomi”.

Lo ha detto a CartaBianca Luigi Di Maio, riguardo alla nomina del commissario alla sanità in Calabria. “Lo dobbiamo difendere di più”, ha aggiunto il ministro degli Esteri, aggiungendo che “non si tratta di una critica” al ministro Speranza e al premier Conte. Sulla Calabria, ha detto ancora Di Maio, “bisogna decidere subito, ma decidere bene”.

Ti potrebbe interessare anche: Polonia e Ungheria, veto al Recovery Fund. Gli amici di Salvini bloccano gli aiuti all’Italia