Interni

Cruciani attacca Speranza: “L’unico con la mascherina, una cosa da imbecilli”

Giuseppe Cruciani Scatenato contro Roberto Speranza. Ma cosa ha fatto saltare i nervi al conduttore de La Zanzara? Durante una delle ultime puntate della trasmissione satirica di Radio24, il conduttore se la prende con l’ex ministro della Salute a causa di una fotografia. Quella che lo immortala in Parlamento con la mascherina, unico tra i suoi colleghi, durante il discorso sulla fiducia di Giorgia Meloni. Un’immagine che il giornalista proprio non sopporta, definendola “una cosa da imbecilli”.

Cruciani contro Speranza a La Zanzara

“Una cosa mi ha colpito, ed è veramente il segno dell’imbecillità. – sbotta Cruciani durante La Zanzara – Lo posso dire qua? Mi voglio sfogare. Ormai non ha più la carica quindi lo posso dire, ma lo dicevo anche prima. L’unico deputato ancora con la mascherina mentre la Meloni parlava secondo voi chi era? Provate a indovinare. – si rivolge al suo pubblico – L’unico con la mascherina in mezzo a gente senza mascherina chi era? Chi è il simbolo dell’imbecillità? Si chiama Roberto Speranza! Lo possiamo dire? Una cosa da imbecilli”, conclude il suo sfogo.

Intanto la sua spalla, David Parenzo, prova come sempre a sostenere la tesi contraria. “Ha fatto benissimo a mettersela, invece. Se lo ritiene”, ripete più volte il giornalista e conduttore anche di In Onda su La7. Ma la sua protesta si schianta contro la foga di Cruciani che non lascia spazio a repliche in difesa di Speranza.

Giorgia Meloni aveva invece dichiarato durante il suo discorso alla Camera che il suo governo non replicherà quello che ha bollato come il “modello Speranza” sul contrasto al Covid. “L’Italia ha adottato le misure più restrittive dell’intero Occidente, arrivando a limitare fortemente le libertà fondamentali di persone e attività economiche. Ma nonostante questo è tra gli Stati che hanno registrato i peggiori dati in termini di mortalità e contagi”, ha detto il premier.

Potrebbe interessarti anche: Fuori dal coro, Cruciani contro Rula Jebreal: “Quello era il vero fascismo”

Torna su