Interni

Gli studenti del Manzoni occupato contro la Meloni: “Preoccupati dalla sua eredità fascista”

Ha fatto notizia nei giorni scorsi l’iniziativa degli studenti del liceo Manzoni di Milano che, per protestare contro la vittoria della destra alle elezioni, hanno deciso di occupare il loro istituto scolastico. Su di loro sono piovute innumerevoli critiche, soprattutto di chi li considera figli di papà che dovrebbero studiare invece di perdere tempo. Ma c’è anche chi li difende. Corrado Formigli decide allora di invitare una loro delegazione a Piazzapulita. E la portavoce degli studenti, Chiara Martinelli, ci va giù pesante contro il partito di Giorgia Meloni.

Gli studenti del Manzoni preoccupati dalla Meloni

“La nostra preoccupazione più grande sicuramente sta nell’eredità fascista che ha il partito di Giorgia Meloni, Fratelli d’Italia, essendo diretto erede del Movimento sociale italiano, a sua volta diretto erede della Repubblica Sociale italiana. – la studentessa punta subito il dito contro la Meloni – E se questi non sono fascisti non sappiamo chi lo sia. Detto ciò, abbiamo ovviamente anche determinate preoccupazioni in tema di diritti civili e sociali per i quali ci aspetteranno tempi bui. Penso all’aborto, all’eutanasia, all’immigrazione che saranno temi focali nei prossimi mesi”.

“Abbiamo appena visto Romano La Russa al funerale del cognato. – ricorda ancora la ragazza – E su La7 Ignazio La Russa ha dichiarato che siamo tutti eredi del Duce. Se questo non è fascismo diretto non so cosa lo sia. Abbiamo cene commemorative della marcia su Roma, come quella fatta ad Ascoli Piceno. Insomma, non manca una simbologia fascista tradizionale. È innegabile una evoluzione del neofascismo e questo lo vedremo anche in materia di diritti civili e sociali”.

Ma gli studenti del Manzoni ne hanno anche per il Partito Democratico. “Sicuramente non ci sentiamo rappresentati dalla destra, ma tantomeno dalla sinistra. – puntualizza Chiara Martinelli – Il Pd non è più un partito che ci può rappresentare. Fa riflettere sentir parlare di principi e valori da parte di membri di un partito che non dimostrano neanche una coesione reciproca tra loro e hanno mostrato varie contraddizioni nel corso della loro storia”.

Potrebbe interessarti anche: Piazzapulita, Santoro attacca la Meloni: “Non è capace di fare il premier”

Torna su