Tech

Google: AMP velocizza il caricamento dei contenuti

Ogni volta che per caricare un link dallo smartphone passa troppo tempo, l’utente si innervosisce, e trova alternative. L’editore invece, nello stesso lasso di tempo, ha già perso un lettore. Un problema noto che ha fatto muovere tutti i grandi protagonisti della rete verso la ricerca di soluzioni. Oggi Google ha presentato Accelerated Mobile Pages (AMP), che mira a migliorare notevolmente le prestazioni del mobile web: fino ad oggi, era stato raccontato dai media come la versione made in Google degli Instant Articles di Facebook.

Come obiettivo non solo il caricamento istantaneo di contenuti “pesanti” come grafiche, video, e annunci pubblicitari sofisticati, ma anche un linguaggio di codice funzionante su più piattaforme e dispositivi, senza distinzione tra un modello di tablet o smartphone e altro dell’utente.

Leggi anche: Google, l’A.I. Deepmind ha iniziato a camminare con le sue gambe

La nuova tecnologia di Google

Google ha compiuto un nuovo passo per assicurarsi che non sia l’unico a poter utilizzare la sua tecnologia per fare in modo che i siti web si carichino rapidamente sugli smartphone. Google continua a fare importanti investimenti per migliorare le prestazioni e l’esperienza utente sul web. Ciò avviene attraverso AMP, un progetto sponsorizzato da Google come progettato standard aperto per qualsiasi editore affinché le pagine vengano caricate rapidamente sui dispositivi mobili.

Ora l’azienda sta lavorando per eliminare anche gli svantaggi della tecnologia, per renderlo uno standard che chiunque può utilizzare. Già da tempo, Google si rese conto che doveva fare qualcosa per il fatto che le pagine Web venivano caricate in modo davvero scadente sui dispositivi mobili. 

Per far caricare le pagine in modo più rapido e compatibile sugli smartphone, le aziende si sono rivolte a soluzioni proprietarie: Facebook ha presentato Instant Articles e Apple ha lanciato la propria esperienza web mobile walled-off in Apple News, per citare due esempi di profilo più alto.

Il vantaggio di AMP

AMP è il tentativo di Google di rendere le pagine web rapide e portatili come altri “articoli istantanei”. Google ha sviluppato AMP per cercare di accelerare i siti web che erano lenti da vedere sugli smartphone e in risposta alla tecnologia “walled garden” di Apple e Facebook che offriva prestazioni web mobili veloci purché i publisher mettessero i loro contenuti sui domini online di quelle aziende.

Ma rendere il web più mobile-friendly è un buon affare anche per Google. Se le ricerche e i servizi di Google sono esperienze continuamente frustranti rispetto al caricamento istantaneo di Facebook e Apple News, meno persone si rivolgeranno a loro, e ciò che tradizionalmente viene considerato il world wide web, per le loro notizie e informazioni.

Leggi anche: Google Chrome dice stop alla cosa peggiore di Internet

 

Alcuni fattori preoccupanti

Con la creazione di AMP, Google è andato allegramente al centro di un boschetto composto da sviluppatori preoccupati per il futuro del web. Gli editori sono preoccupati di cedere troppo controllo della loro distribuzione a gigantesche compagnie tecnologiche, e tutti questi sono preoccupati che Google non sia tanto un amministratore del web, quanto piuttosto il suo nefasto burattinaio.

L’intera situazione è leggermente frustrante per David Besbris, VP di ingegneria di ricerca di Google. “Questo è onestamente un progetto abbastanza altruistico dal nostro punto di vista”, dice Besbris. “Non è che abbiamo inventato l’AMP perché volevamo controllare tutto, come la gente presume”, dice. Quindi la soluzione di Google era la tecnologia AMP, un framework che è stato progettato per rendere il web buono come quelle piattaforme, in modo che il web avrebbe effettivamente una possibilità di competere con Apple e Facebook.

Nonostante tutti questi problemi, ecco ciò che colpisce di AMP: quando si pubblica una pagina web, può essere pubblicata da qualsiasi server di memorizzazione nella cache. Ma non è questo ciò che rende veramente veloce; ciò che veramente fa la differenza è che può caricare quasi istantaneamente perché è già stato precaricato in background. Eppure, nonostante il pre-caricamento, non vengono contati come visitatori e l’editore non riesce a impostare alcun cookie o tracciamento fino a quando non si fa clic. Ed è sicuro che la pagina cache, caricata all’istante che si trova nella ricerca Google o su Twitter, è fedele alla sua fonte canonica, anche se tale fonte è stata aggiornata dopo la sua prima pubblicazione.

La convinzione di Google

Google ha dovuto dimostrare che il Web potrebbe essere valido solo quanto gli articoli sono istantanei. Ancora più importante, doveva essere altrettanto rapido. Quello che Google sta proponendo non è quello di trasformare l’intero web in AMP, ma piuttosto di prendere alcune delle idee dietro gli intelligenti hack che hanno reso AMP funzionante, pulirli e quindi renderli uno standard universale che non ha nulla a che fare con Google. In questo modo, quasi tutte le pagine Web potrebbero essere distribuite con la stessa facilità e caricate rapidamente quanto quelle supportate da AMP.

Leggi anche: Google investe in Go-jek, l’app del futuro in Indonesia