Lifestyle

Google aiuterà a preservare i siti storici a rischio con la realtà virtuale

Google collabora con l’organizzazione non profit CyArk nella scansione laser 3D di siti storici in tutto il mondo allo scopo di preservarne la memoria e facilitarne la ricostruzione. Si tratta di siti storici in tutto il mondo a rischio di danni irreversibili o di cancellazione totale a causa di conflitti umani e disastri naturali. Lo sforzo congiunto, denominato progetto Open Heritage, utilizzerà la tecnologia di scansione laser di CyArk per acquisire tutti i dati rilevanti di un sito storico per ricrearlo virtualmente, in modo che possa essere conservato ed esplorato online su un computer, attraverso un dispositivo mobile o mentre s’indossa un auricolare per realtà virtuale.

Google Arts and Culture e CyArk open heritageGoogle Arts and Culture e CyArk

«Con la tecnologia moderna, siamo in grado di catturare questi monumenti nei dettagli più dettagliati che mai, incluso il colore e la trama delle superfici accanto alla geometria catturata dagli scanner laser con precisione millimetrica in 3D», ha spiegato Chance Coughenour, un’archeologa digitale e program manager  della divisione Google Arts and Culture. «Queste scansioni dettagliate possono anche essere utilizzate per identificare le aree danneggiate e assistere l’opera di ripristino». Google Arts & Culture, che è stato pubblicato per la prima volta nel 2011, è la piattaforma dell’azienda di Mountain View che aiuta a preservare e rendere accessibile l’arte di tutto il mondo. La divisione è partita con l’obiettivo di collaborare con i musei per portare opere d’arte online a fianco dei famosi musei di Street View. Da allora ha ampliato il proprio focus su molti diversi tipi di arte e cultura, oltre a media interattivi come tour virtuali e altri strumenti educativi. CyArk, un’organizzazione no profit di Oakland, in California, è stata fondata nel 2003 come sbocco umanitario e culturale per la tecnologia dal suo fondatore, Ben Kacyra. Il manager è anche co-fondatore e CEO di Cyra Technologies, una società della Bay Area che realizza una mappatura laser, modellistica e un prodotto CAD utilizzato da architetti, ingegneri e imprese di costruzione. Kacyra afferma di essere stato ispirato a creare CyArk usando la tecnologia di mappatura laser di Cyra dopo aver visto i talebani distruggere statue buddiste di 1.500 anni a Bamiyan, in Afghanistan, nel 2001.
Leggi anche: L’ultima battaglia ambientalista di Apple

Evitare la distruzione della cultura antica

È quel tipo di distruzione della cultura antica di cui Kacyra è preoccupato. La missione di CyArk è quella di “catturare” virtualmente monumenti e siti storici prima che si verifichino simili episodi di tragedia. L’azienda lo fa utilizzando versioni più avanzate del sistema di scansione laser originale Kacyra ha aiutato pionieri in Cyra, così come la fotografia ad alta risoluzione catturata da droni e fotocamere DSLR.
Uno di questi siti è il tempio di Ananda Ok Kyaung a Bagan, in Myanmar, che ha subito danni durante un terremoto nel 2016. CyArk è riuscito a mappare il sito prima del disastro, e ora un tour 3D interattivo attraverso il tempio è una delle esperienze sta lanciando insieme a Google l’iniziativa Open Heritage. Accanto al tempio di Ananda Ok Kyuang ci sono altri 24 luoghi in 18 paesi in tutto il mondo. Altre siti includono il palazzo di Al Azem a Damasco, la Siria e le rovine della città maya di Chichen Itza in Messico.
«Per molti dei siti, abbiamo anche sviluppato intricati modelli 3D che consentono di ispezionare da ogni angolazione, utilizzando il nuovo visualizzatore di Google Poly 3D su Google Arts & Culture», afferma Coughenour. «Negli ultimi sette anni, abbiamo collaborato con 1.500 musei provenienti da oltre 70 paesi per portare le loro collezioni online e mettere più cultura del mondo a portata di mano. Questo progetto segna un nuovo capitolo per Google Arts & Culture, poiché è la prima volta che pubblichiamo siti di eredità 3D sulla piattaforma».
Leggi anche: Ecco cosa Google sa di me e di te