Interni

Da contestatori a contestati: la dura (e contraddittoria) vita dei Cinque Stelle una volta al governo

Come si comporta un partito nato per incarnare la protesta quando si trova a dover subire la rabbia dei cittadini? Un paradosso che il Movimento Cinque Stelle sta vivendo proprio in queste ultime settimane, con le agitazioni per la Tap in Puglia, il fronte del Sì Tav a Torino, le bandiere bruciate a Roma dagli Ncc scesi in piazza per manifestare. Un problema non da poco e che non poteva che verificarsi una volta che i pentastellati sono diventati governo.

Governare, ricorda il Corriere della Sera, vuol dire infatti scegliere. Scegliere quali interessi favorire, a detrimento spesso di altri. Non è possibile accontentare tutti, soprattutto poi se si compone, come i 5 Stelle, un governo di coalizione, che deve tenere in più conto dei vincoli di spesa di cui la Ue è guardiana. Necessario abituarsi, dunque, al fatto che molte categorie professionali scenderanno di volta in volta dal carro per passare dalla parte di chi non ci sta.
Diverso il discorso per la Lega, dotata di una base elettorale sociologicamente più definita: che magari mugugna, come gli imprenditori del nord, ma non sembra, sondaggi alla mano, intenzionata per ora ad abbandonarla elettoralmente, anche per carenza di un’offerta migliore. Resta che con la manovra Salvini e la Lega non hanno voluto rinunciare alle loro bandiere e perciò anno dovuto accettare misure piuttosto lontane dal loro profilo per ottenere l’ok Ue.Illudersi che le proteste possano essere rivolte solo contro i 5 Stelle e non anche contro di loro, sarebbe ingenuo.Va anche detto che dalla Francia (gilet gialli) all’Inghilterra all’Austria passando per Belgio e Grecia, la contestazione del governo e del potere in carica assume tratti quasi insurrezionalistici. Un po’ per la natura avversione verso chi governa. Un po’ perché si stanno frantumando i corpi intermedi, a cominciare dai sindacati e delle associazioni, che una volta organizzavano e al tempo stesso però regolavano la protesta.

Il Di Maio smemorato: tutte le “dimenticanze” dietro il trionfale annuncio dei Cinque Stelle sulla manovra