Interni

Burioni sull’assalto alla Cgil: “Sicuri siano tutti fascisti?”

Le immagini dell’assalto alla sede della Cgil a Roma stanno facendo il giro dei social da giorni. Centinaia di facinorosi hanno preso d’assedio il palazzo del sindacato in corso Italia a Roma. Alcuni sono riusciti persino a fare irruzione nei locali distruggendo tutto quello che si sono trovati di fronte. Le stesse immagini immortalano i leader di Forza Nuova, Roberto Fiore e Giuliano Castellino, poi arrestati, presenti sulla scalinata della sede Cgil. Un attacco di chiara matrice fascista dunque, almeno secondo politici e commentatori. Ma stavolta ad uscire fuori dal coro è il virologo Roberto Burioni con un tweet che stupisce.

Roberto Burioni

La matrice fascista dell’assalto alla sede romana della Cgil viene evocata da quasi tutti i partiti politici e i mass media. Una parziale eccezione è rappresentata da Giorgia Meloni. “È sicuramente violenza e squadrismo poi la matrice non la conosco. – dichiara la leader di Fratelli d’Italia – Nel senso che non so quale fosse la matrice di questa manifestazione ieri, sarà fascista, non sarà fascista non è questo il punto. Il punto è che è violenza, è squadrismo e questa roba va combattuta sempre”.

Una posizione isolata, si potrebbe pensare. E, invece, una dichiarazione simile arriva da chi non ti aspetti proprio. Si tratta di Roberto Burioni, il virologo impegnato in prima linea nel promuovere i vaccini e contro quelle che bolla continuamente come fake news dei no vax e dei no green pass. “Siete sicuri che quelli che hanno attaccato ieri la sede della Cgil siano tutti fascisti? Io no. – si domanda e si risponde su Twitter – Alcuni sì, ma non tutti. Forse dare la colpa ai soli fascisti è la versione più comoda, ma la verità è ostinata e infine salta fuori”.

Un cinguettio sibillino che, da una parte riconosce le responsabilità dei “fascisti”, ma dall’altra evoca una misteriosa “verità” che dovrà saltare fuori. Il tweet di Burioni, per la verità, non viene ripreso dagli organi di stampa, ad eccezione de Il Giornale e pochi altri. E pure i commenti dei follower sono scarsi. “Non escludo che con Fiore, Castellino e Aronica sulla soglia ci fosse anche qualche ciellino, ma gli indizi la definiscono, la matrice”, scrive ad esempio qualcuno.

Potrebbe interessarti anche: Burioni: “Premio Nobel a Giorgio, non alla virologa Heather Parisi”