Esteri

Salviamo il clima… col jet privato! La gaffe dei leader mondiali, scene tragicomiche che hanno scioccato il mondo

Il noto divulgatore scientifico britannico David Frederick Attenborough ha approfittato del Forum Economico Mondiale in scena sulle alpi svizzere di Davos per lanciare un appello ai leader mondiali, chiedendo interventi rapidi e decisi per arrestare i cambiamenti climatici che potrebbero avere effetti devastanti sul pianeta dei prossimi decenni. Un allarme che, però, ha finito per stridere con quanto stava accadendo nel frattempo nella popolare località sciistica. 

Sì perché mentre il naturalista parlava e metteva in guardia i capi di stato, sulla sua testa oltre 1500 jet privati prendevano il volo e atterravano a turno. A rivelarlo sono stati gli analisti dell’Air Charter Service, secondo i quali gli ospiti dell’evento, dai veri e propri big fino agli uomini di affari e ai rappresentanti di varie lobby, hanno scelto per aerei più grandi e più costosi, con un aumento dell’11% rispetto all’edizione 2018 del Forum, quando i cieli erano stati un po’ più liberi.
“Aumentano soprattutto le dimensioni dei mezzi – ha spiegato sulle pagine del Guardian Andy Christie, direttore dell’ACS – con i modelli Gulfstream GVs e Global Expresses a farla da padroni”. Il motivo del boom improvviso? “Sicuramente il jet privato è una buona scelta per chi arriva a Davos coprendo lunghe distanze, ma credo sia scattata anche una sorta di competizione tra i partecipanti al Forum. Nessuno voleva essere da meno rispetto agli altri”.Uno scenario che stride fortemente con la natura stessa della manifestazione, durante la quale sono stati lanciati innumerevoli allarmi sui problemi causati dall’inquinamento alla Terra. Oliver Cann, tra gli organizzatori del Forum, ha commentato amareggiato: “E pensare che offriamo incentivi all’utilizzo del trasporto pubblico e chiediamo ai leader di aggregare più persone su un solo jet per evitare sprechi…”.

Conte l’ equilibrista, le mille giravolte sull’Europa (e non solo)