Interni

Sondaggi politici: il Pd saluta tutti dall’alto e sale ancora

Il Partito democratico continua ad essere il protagonista di tutti i sondaggi politici. Secondo le rilevazioni statistiche effettuate negli ultimi mesi, infatti, il partito guidato dal segretario Enrico Letta sembra lanciato verso una moderata, ma continua, crescita di consensi. Pd primo partito dunque anche secondo l’ultimo sondaggio commissionato dal tg di La7 di Enrico Mentana all’istituto Swg. Stavolta anche Lega e Fratelli d’Italia fanno segnare un segno più, mettendo fine ad una continua emorragia di voti, soprattutto dalle parti di Matteo Salvini. Ma i due partiti sovranisti risultano sempre più staccati dai Dem.

Pd primo nei sondaggi politici

Molte conferme e alcune sorprese dai sondaggi politici mostrati da Enrico Mentana durante il tg di La7. Il Pd targato Enrico Letta guida sempre il gruppo raggiungendo il 22,1% dei potenziali consensi degli italiani. Un più 0,6% rispetto alla precedente rilevazione risalente ad appena una settimana fa. Al secondo posto in classifica si trova sempre Fratelli d’Italia. Anche il partito della Meloni guadagna lo 0,4%, riportandosi oltre il 20% (20,2% per la precisione). Vede finalmente un po’ di luce anche il Carroccio che passa dal 18,5% di una settimana fa all’attuale 19%.

Ai piedi del podio troviamo sempre il Movimento 5 Stelle. Ma il partito di Giuseppe Conte segna il passo, lasciando sul terreno addirittura lo 0,8% in sette giorni, passando dal 15,1% al 14,3%. Segue Forza Italia di Silvio Berlusconi, in grande spolvero con il 7,7% (più 0,4% rispetto ai precedenti sondaggi politici di Swg).

Tra i partiti minori sorride, ma non troppo, Carlo Calenda che, con la sua Azione, scende dal 4% al 3,8%. Lo seguono i Verdi, saliti al 2,5%. Appena sopra il 2% si piazzano, infine, i due partiti di sinistra (Mdp-articolo 1 e Sinistra italiana) e Italia Viva di Matteo Renzi che non riesce proprio a schiodarsi da queste percentuali.

Potrebbe interessarti anche: Sondaggi politici: il Pd allunga, crollo del M5S, Berlusconi boom