space10-ikea-lab

Ikea Space 10, un laboratorio per il futuro

Per chi sogna una città più “green”,in cui ciascuno coltiva direttamente verdure, ortaggi e piante aromatiche nel proprio orto urbano, c’è già una soluzione pronta all’uso. Parliamo di Growroom, padiglione a forma di sfera progettato per essere montato con pochi gesti e studiato per assicurare luce e acqua adeguati alla produzione autonoma dei vegetali per la nostra tavola, frutto della collaborazione tra Ikea e il laboratorio di idee e hub creativo di Copenhagen Space 10.

Il laboratorio di innovazione Space 10 di IKEA ha creato una fattoria pop-up durante il London Design Festival, coltivando minuscole verdure utilizzate per preparare 2000 insalate nutrizionali. Lo spazio è stato creato per mostrare  il progetto Lokal di Space 10, che mira a fornire un modo sostenibile e salva-spazio per le persone a coltivare il proprio cibo. 

Leggi anche: Carne prodotta in laboratorio: una rivoluzione possibile

 Il progetto Growroom

Ideata dai giovani architetti Mads-Ulrik Husum e Sine Lindholm, la struttura, fatta di semplici fogli di compensato e viti, nasce con l’obiettivo di incentivare una nuova agricoltura local e sostenibile, superando con questo piccolo orto a sviluppo verticale il problema dello spazio tipico dell’ambiente urbano.

Grazie alla sua forma sferica e alle dimensioni compatte (solo 2,5 x 2,8 metri), the Growroom è un orto domestico che può essere collocato nel giardino di casa, in un cortile o anche in uno spazio pubblico facilmente accessibile, diventando una micro isola ecologica che produce cibo gratis a chilometro zero.

Le bio-sfere possono essere realizzate proprio da tutti perché i disegni di progetto, l’elenco dei materiali e le istruzioni di assemblaggio, tipiche della filosofia Ikea, sono liberamente scaricabili dal sito di Space 10 (www.space10.io): un modo per diffondere nel mondo e presso chiunque voglia diventare un coltivatore in proprio questi intelligenti mini orti urbani. Sperano i progettisti che la semplicità del progetto e la sua libera fruizione porteranno alla moltiplicazione di Growroom, portando nelle nostre città salute, benessere e un rinnovato rapporto con la natura.

Queste colture sono state coltivate in maniera idroponica, il che significa che sono state immerse in acqua piena di sostanze nutritive, piuttosto che di terreno, con le luci artificiali sopra la testa. Davanti alla fattoria è stato allestito un salad bar, in modo che il cibo potesse essere servito immediatamente. Simon Perez, chef-in-residence dello Space10, ha prodotto un totale di 2000 insalate durante il London Design Festival di sei giorni.

Non solo mobili low-cost

L’Ikea svedese ha fatto il suo nome in mobili low-cost flat-pack – quasi un brillante esempio di sostenibilità. Ora, però, il gigante globale (che guadagna 35 miliardi di euro ogni anno) sta promuovendo una nuova visione verde pionieristica attraverso il suo laboratorio di innovazione Space 10 con sede a Copenaghen.

IKEA ha lanciato il laboratorio di innovazione Space10 alla fine del 2015, per testare i prototipi di prodotto e trovare modi per aumentare il benessere dei consumatori. Da allora il laboratorio ha lavorato su diversi progetti riguardanti il cibo. Più recentemente, il laboratorio ha creato una cupola per la coltivazione di microalghe, come parte di un’esplorazione in fonti di cibo insolite. Lokal costituisce la continuazione di questo progetto, guardando i microgreens – piccole colture simili a germogli con una breve durata di conservazione.

I microgreens vengono generalmente raccolti entro 14 giorni dalla germinazione e utilizzati come “confetti di verdure” per guarnire il cibo. Ma Space10 ha scoperto che la radice, il seme e il germoglio di queste piante minuscole sono pieni di nutrimento, abbastanza da diventare una delle principali fonti di cibo. Ma per essere efficaci, devono essere serviti poco dopo essere stati raccolti.

“I microgreens hanno una durata di conservazione piuttosto breve, mentre il nostro intero sistema di produzione alimentare è orientato alla crescita su larga scala e per resistere realmente al viaggio”, ha detto a Dezeen Simon Caspersen di Space10. “La parte più bella dei microgreens è che il germoglio contiene in realtà la stessa quantità di sostanze nutritive della sostanza cresciuta, quindi ciò significa che ottieni pieno valore dei prodotti”.

Space 10 sta introducendo la tecnologia intelligente per rendere la coltivazione delle piante facile, in modo che il concetto di fattoria e insalate possa essere facilmente esteso ai consumatori. Le piante sono collegate al dispositivo home controllato da Google, in modo che gli agricoltori possano parlare con le piante e conoscere i livelli di nutrizione.

Progettare un futuro migliore

Carla Camilla Hyort ha fondato Space10 nel 2015, dopo che il CEO di Ikea, Torbjon Loof, le ha detto che voleva progettare un futuro migliore. Ora la sua squadra (composta da oltre 20 dipendenti permanenti) realizza una vasta gamma di idee, interamente finanziate da Ikea.

Molti progetti hanno al centro la sostenibilità, ma assicurano anche che la tecnologia sia per tutti, “C’è troppa attenzione in questo momento sul potenziale commerciale degli strumenti digitali piuttosto che su come migliorare il mondo”, dice Hyort.

Leggi anche: Sfera: un progetto da record per la Maremma Toscana

Incredibili progetti verdi

Uno dei progetti preferiti di Hyort è la Growroom, una sfera rotonda in legno progettata per la coltivazione urbana. Sappiamo che mangiare le verdure fa bene, gli scienziati raccomandano almeno dieci porzioni al giorno. Per rendere tutto più semplice è possibile coltivarla da casa con un delizioso pacchetto  “Growroom”.

Per chi ha sempre desiderato un giardino, ma vive in una città, lo Space 10 con sede in Danimarca può aiutare. L’azienda, supportata da IKEA, ha progettato un giardino pop-up DIY che sarà possibile costruire a casa. Dopo aver costruito la struttura che le istruzioni forniscono, non sembra solo bella dall’esterno, ma si può ammirare la propria spesa dall’interno. Consente alle persone di coltivare il proprio cibo da casa in un modo bello e sostenibile” afferma il team di Space 10.

Infatti Growroom di Ikea non è solo una bella stravaganza. Coltivare i gustosi verdi di cui abbiamo bisogno in modo tradizionale sta diventando sempre più problematico. L’agricoltura convenzionale è un processo costoso che richiede molto spazio; qualcosa che ci manca mentre la nostra popolazione cresce. Inoltre, le nostre fattorie semplicemente non sono dove abbiamo bisogno che siano (oggi il 50% della popolazione mondiale vive nelle città, e questo salirà all’80% entro il 2050).

L’agricoltura nei campi non è sempre pratica o rispettosa dell’ambiente: chi vuole versare sostanze chimiche e pesticidi nel terreno, generare solo pochi raccolti all’anno, sapendo bene che il 30% di esso si rovinerà prima di raggiungere il piatto.

Crescere a casa

In futuro le nostre fattorie diventeranno ancora più personali, poiché innovazioni come la NASA Smart Herb Garden rendono la coltivazione domestica facile. “Alla fine si avrà il proprio mini-frigo da giardino in cucina” il futurologo del cibo Dr Morgaine Gaye ha dichiarato a De Memo.

“Pensa alla possibilità di un sistema integrato – un po’ come un frigorifero – dove crescono diverse erbe e verdure e le estrai dal distributore – dice. – È un design straordinario, e sarebbe meglio per la tua salute, il tuo budget e la terra su cui vivi”

L’ascesa della fattoria personale è appena agli inizi. Oggi Ikea non sta solo aiutando miliardi di persone a costruire mobili per imballaggi piatti : sta costruendo un mondo migliore.

Leggi anche: Agritech: SmartIsland, gli startupper siciliani che guardano al futuro dell’agricoltura

CONDIVIDI
Valentina Samà
Progettare, creare e stupire è la sua passione. Dopo il diploma di Grafico Pubblicitario e varie esperienze in Digital Marketing and Social Media Marketing, diventa content editor in Business.it. Ama l'arte e il disegno e scrivere sarà la sua nuova sfida.