Tech

Il 2018 è l'anno di Google Assistant. Alexa e Siri sono avvisate

Google fa sul serio riguardo la guerra contro Alexa e i diffusori di Amazon, annunciando in occasione di CES 2018 l’arrivo del suo Assistant su una lunga serie di diffusori smart di diversi produttori: Altec Lansing, Anker Innovations, Bang & Olufsen, Braven, iHome, JBL, Jensen, LG, Lenovo, Klipsch, Knit Audio, Memorex, RIVA Audio, SōLIS e Sony.

Ma quattro di questi brand faranno la differenza, cioè JBL, Lenovo, LG e Sony, perché introdurranno dei diffusori smart con uno schermo integrato entro la fine del 2018. Google, senza particolare fantasia questa volta, li chiama smart display.

I dettagli tecnici sono pochi, rilasciati sul blog per gli sviluppatori Android: tutti si basano sull’Home Hub Platform Qualcomm SD624, mentre Sony si basa sul MediaTek MT8173 SoM. La cosa sicura è che non saranno dei semplici tablet Android incorporati negli speaker ma piuttosto un’interfaccia da poter controllare anche solo con la voce e in grado di mostrare informazioni. Sì, esattamente come fa Echo Show di Amazon. Tutto funziona grazie ad Android Things, il sistema operativo e variante di Android pensato per l’Internet delle Cose.

Questa lotta tra Amazon e Google mette in evidenza l’ aspettativa dell’industria tecnologica, quest’anno, gli assistenti vocali svolgeranno un ruolo molto più importante nella nostra vita digitale.

google-assistant-
Leggi anche: Google acquista Redux: display speciali come fossero altoparlanti

I dirigenti di entrambe le società del CES hanno parlato di portare i loro assistenti vocali in molti altri posti come automobili, auricolari e sale riunioni dell’ufficio, in modo che il tuo assistente vocale possa essere sempre a tua disposizione sempre e ovunque, apparentemente anche sul water.

“Se la voce sarà ovunque, vorresti vedere la transizione vocale da casa, quando salirai in auto …. Lo vorrai anche al lavoro”, ha detto Steve Rabuchin, vice presidente Amazon di Alexa Voice Service e Alexa Abilità. “Stiamo andando in auto e in questi altri luoghi perché crediamo che la voce sia un’interfaccia naturale e che dovrebbe essere ambient.”

Finora, gli assistenti vocali hanno creato una base di fan come controller della casa intelligente, aiutando le persone a riprodurre musica o ad utilizzare le luci collegate. La sfida sarà se questi assistenti possano effettivamente transitare in altri luoghi. Quel test è già in onda nei telefoni, con Siri di Apple , Alexa e Google Assistant già disponibili in moltissimi telefoni, ma i risultati sono stati contrastanti

google-assistant-

Siri, nel frattempo, è stato completamente offuscato dal CES ed è in pericolo di cadere bene dietro al gruppo..

Inoltre, alcuni clienti, preoccupati per la privacy, potrebbero non volere che i loro assistenti viaggino con loro. Altri potrebbero essere infastiditi se qualcuno chiacchiera rumorosamente con il suo assistente in pubblico, richiedendo nuove linee guida per l’etichetta di assistente vocale.

Non ci sarà la possibilità di utilizzare le app Android su questi dispositivi. L’interfaccia presenta infatti le risposte sotto forma di card e, a differenza di Echo Show, YouTube (ovviamente) funziona

Google Assistant associato all’interazione anche tramite touch screen mostra il calendario, fornisce direzioni, ricette, trovare foto ed è possibile anche fare videochiamate tramite Duo.

Google vuole quindi inserire assistant davvero ovunque: già dall’anno scorso è presente su NVIDIA’s SHIELD TV e sulle TV Android di Sony, ma ci saranno anche brand come LG, Xiaomi, TCL e molti altri. Per non parlare dei diffusori proprietari Home, Mini e Max, sugli smartphone, nelle automobili. Nel 2018, ha detto, Google lavorerà per rendere il proprio assistente più colloquiale, in modo che sia più facile da usare, più capace e, con l’aiuto dei partner di Google, più o meno onnipresente.

Leggi anche: Tutto quello che vedremo al Ces 2018: Las Vegas apre le porte alla tecnologia