Esteri

Morte Elisabetta: Kate Middleton Principessa di Galles come Lady Diana

La morte della regina Elisabetta II sta portando diversi cambiamenti nella Casa reale britannica. Per prima cosa il suo successore sarà il figlio Carlo, che ha scelto di mantenere il suo primo nome di battesimo venendo incoronato come Carlo III. Uno strappo rispetto alla tradizione che vuole i regnanti inglesi assumere il secondo nome come titolo reale. La sua seconda moglie, Camilla Parker Bowles, diventerà invece Regina Consorte. Ad assumere nuovi titoli nobiliari saranno però anche il figlio primogenito William, nato dal matrimonio con Diana Spencer, e sua moglie Kate Middleton che così seguirà le orme proprio di Lady Diana.

Lady Diana e Kate Middleton

Dopo la morte della nonna Elisabetta all’età di 96 anni, il principe William è diventato automaticamente primo erede al trono in linea di successione. Lui, Kate e i loro tre figli (George, Charlotte e Louis) assumeranno ora nuovi titoli nobiliari. William diventerà Duca di Cornovaglia, Conte di Chester e Duca di Rothesay. Di conseguenza Kate sarà Duchessa di Cornovaglia, Contessa di Chester e Duchessa di Rothesay.

Entrambi comunque manterranno i titoli di Duca e Duchessa di Cambridge. Il figlio primogenito George verrà chiamato, insieme ai due fratelli minori, Principe di Cornovaglia e Cambridge. Ma non è tutto, perché l’appena nominato Re Carlo III possiede anche il titolo di Principe di Galles, che però non viene ereditato direttamente dal figlio primogenito. Spetta infatti al sovrano decidere se conferirglielo.

Se Carlo dovesse scegliere questa opzione, il figlio William diventerebbe Principe di Galles. Mentre Kate sarebbe la Principessa di Galles, andando così ad acquisire lo stesso titolo di Lady Diana. Attualmente la Principessa di Galles è la seconda moglie di Carlo, Camilla. La Regina Consorte però preferisce utilizzare solo il titolo di Duchessa di Cornovaglia perché per l’opinione pubblica britannica la ‘vera’ Principessa di Galles resta Lady Diana.

Potrebbe interessarti anche: Morte regina Elisabetta: ecco come cambia l’inno inglese

Torna su