Video

Gli italiani hanno abboccato: un video pieno di bufale sui migranti circola in rete per un motivo ben preciso

Lo stanno rilanciando in tanti, attraverso i social, in queste ore. Anche utenti italiani, pronti a condividere sulle rispettive bacheche un video in lingua inglese di 34 secondi che punta il dito contro il fenomeno migratorio con toni allarmisti e una serie di dichiarazioni quantomeno dubbie, montate una dopo l’altra in maniera discutibile. Si tratta in realtà di una mossa del governo ungherese, presieduto dal primo ministro Viktor Orban, deciso a puntare sull’etere per diffondere il suo messaggio in tutta Europa, Italia compresa.

Nella breve clip diffusa via Facebook una voce narrante, accompagnata da un musichetta piuttosto inquietante, spiega che dal 2015 a oggi sono entrati in Europa 1,8 milioni di immigrati “e molti altri milioni vorrebbero arrivare”. E fa seguire a questa affermazione una serie di foto di attentati con la scritta in sovrimpressione: “Centinaia di persone hanno perso la vita in vili attentati dall’inizio della crisi migratoria”. Il video è diventato nei giorni scorsi un post sponsorizzato proprio dalla pagina ufficiale del governo ungherese su Facebook che punta, come ha rivelato l’Espresso, al pubblico degli italiani con più di 28 anni
Al momento non sono stati resi noti i dati degli investimenti fatti dal governo ungherese sui social. Il filmato, realizzato circa un mese e mezzo fa, era stato presentato dall’esecutivo di Orban come la risposta del Paese alla decisione del Parlamento Europeo di avviare le procedure previste dall’articolo 7 del trattato di Lisbona e che potrebbero portare all’applicazione di sanzioni contro lo Stato che negli ultimi anni ha approvato una serie di leggi liberticide.

Secondo Orban e il suo esecutivo la decisione dell’Europarlamento sarebbe stata una vendetta per la decisione dell’Ungheria di non accogliere alcun richiedente asilo sul suo territorio. Non stupisce quindi che proprio sul terreno dell’immigrazione l’Ungheria decida di giocare le sue carte mediatiche. Con l’utilizzo di più di un trucco. Il video si apre infatti con una dichiarazione del’eurodeputato belga Guy Verhofstadt che chiede “più immigrati”. In realtà si tratta di un contenuto estrapolato da un intervento più esteso in cui lo stesso deputato specificava l’importanza di avere un’immigrazione legale.

Bufale e Meloni: tra migranti ricchi e carte di credito dell’Onu, la clamorosa gaffe di Giorgia