Guide

Impresa familiare, i segreti e le strategie per non fallire

Gli imprenditori che decidono di mettersi in proprio e che hanno il coraggio di fare il grande salto avviando un’attività sono tanti. Molti si affidano a esperti del settore, a persone che hanno conosciuto durante il loro percorso lavorativo o magari durante il percorso di studi. Persone su cui possono contare e sopratutto che vantano un’esperienza comprovata e consolidata in un determinato campo. In altri casi si fa una ricerca approfondita per provare a reperire quelle skills di cui si necessita per far sì che l’impresa che vogliamo avviare abbia tutti i tasselli e gli elementi giusti e soprattutto nel posto giusto per camminare con le proprie gambe. Ci sono dei casi però in cui alcuni imprenditori decidono di affidarsi a persone ancora più fidate, vale a dire la propria famiglia.

memoria-lavoro
Creare un’azienda insieme

L’impresa familiare è una delle realtà imprenditoriali che ha dato linfa all’Italia e che costituisce un patrimonio incredibile. Fare impresa con la propria famiglia è un passo molto importante che può nascondere tante insidie ma allo stesso modo può regalare anche molte soddisfazioni. Quando parliamo di insidie ci riferiamo a possibili fratture e visioni imprenditoriali diverse che possono venirsi a creare all’interno di una famiglia che lavora insieme. Spesso per non rovinare rapporti oppure per non dire qualcosa di troppo si finisce per perdere di vista gli obiettivi imprenditoriali. In altri casi invece l’armonia regna e si possono raggiungere le mete prefissate facilmente e con soddisfazione di tutti. Quali sono dunque i segreti e le strategie per non fallire? Ecco alcuni consigli utili per chi ha avviato un’azienda familiare o più semplicemente per chi sta ragionando sul fare o meno questo passo. La linea tra successo è fallimento è sempre molto sottile, è bene avere chiari gli obiettivi e sapere quale strada percorrere per non fallire ancor prima di avere cominciato.

lavoro-curriculum-elementi
I segreti per non fallire: ecco come costruire un’azienda familiare di successo

Quando ci si trova a lavorare con i propri familiari non sempre la situazione è facile e agevole. A volte bisogna saper prendere delle decisioni e imporsi senza aver troppe remore su quello che potrebbe succedere dopo una vostra mossa. Cercate innanzitutto di essere equi e di stabilire retribuzioni e benefit in base alle mansioni: anche se si tratta di un vostro familiare, ricordate che deve essere trattato allo stesso modo in cui trattereste un qualsiasi dipendente che potrebbe ricoprire quello stesso ruolo. Altro punto fondamentale è la costituzione di regole scritte che in un certo senso pongano dei paletti all’interno della famiglia: troppo spesso abbiamo esempi di realtà imprenditoriali a gestione familiare che sono naufragate per fratture interne. Cercate di definire bene quelle che sono le linee da seguire e fare approvare il documento da tutti. Conoscendo il percorso da seguire, tutti si sentiranno più sicuri. Infine, come già ribadito in precedenza, cercate di non sentirvi in obbligo verso nessuno: se qualcosa non funziona, se ci sono problemi di gestione, sollevateli e arrivate al confronto per il bene dell’azienda.
Leggi anche: Come comportarsi con un capo più giovane sul posto di lavoro