Lifestyle

In arrivo AmazonOpenTube, diretto concorrente di YouTube

Amazon continua la sua guerra personale contro i colossi della rete come Google e YouTube. Cosa sta succedendo online?

Pochi giorni fa l’annuncio che il motore di ricerca più famoso al mondo avrebbe deciso di bloccare YouTube sugli art speaker, su Echo Show, su Fire tv e tutti i dispositivi in grado di mostrare lo streaming di Amazon video.

La notizia era già scioccante di per sè, in quanto il mondo web dovrebbe regalare flessibilità, condivisione e facilità di approccio ai new media.
L’ennesima notizia è a dir poco schiacciante e sbalorditiva: Amazon ha giocato al contrattacco e, dopo la dichiarazione del blocco di Google, ha depositato due novità, ovvero Amazontube e Opentube.

Cosa dobbiamo ancora aspettarci?

Google-Vs-Amazon-YouTube

Dopo il blocco di Google, testato evidentemente per dare più spazio a prodotti dell’azienda come Chromecast o Nest, Amazon ha visto bene di passare al contrattacco e ha depositato i due marchi di video proponendo di fatto due nuovi canali.

Leggi anche: Google blocca Amazon: è guerra tra colossi

Amazon possiede già Amazon Prime Video, canale legato all’abbonamento Prime,  grazie al quale  sono visibili film e serie in esclusiva come The Man in the High Castle e The Path.

Amazon ha quindi depositato i marchi Amazontube e Opentube presso lo States Patent and Trademark, ma sembra che il dominio amazontube.com sia già stato comprato addirittura vent’anni fa.

Si pone infatti come diretto concorrente del più conosciuto e utilizzato YouTube, sotto tutti gli aspetti.

Se non si tratta di concorrenza questa! Se ha piani diversi da ciò che tutti si aspettano, dovrebbe precisarlo pubblicamente.
In realtà esistono solo dichiarazioni esterne: Domain Name Wire riporta la notizia che Amazon avrebbe registrato altri domini. Non solo Amazontube e Opentube, ma anche Alexatube in AlexaOpentube.com e AmazonOpentube.com.

Google-Vs-Amazon-YouTube

Leggi anche: La serie tv de Il Signore degli Anelli, grazie a Warner Bros. Television e Amazon Studios

Tv Answer riporta invece un dettaglio: i marchi comprati da Amazon sono ad esclusivo consumo di video e lavori elettronici online, ovvero esattamente la stessa identica funzione del seguitissimo YouTube.

L’intera operazione sembra una manovra più rivolta all’annuncio di Google che ad un vero e proprio servizio innovativo.

Staremo a vedere cosa ci riservano i colossi del web per il prossimo futuro.