influencer-marketing

Influencer Marketing, una strategia di campagna efficace

É giusto dire che il 2017 è stato l’anno dell’influencer marketing. I marchi si sono affollati di influencer nelle folle per aiutare a vendere i loro prodotti e servizi al pubblico impegnato. Influencer marketing continuerà a essere una forza trainante per i marchi che vogliono far crescere il loro pubblico e migliorare le vendite attraverso i social media nel 2018.

Come si può ottenere il massimo dall’influenzar marketing? Diamo un’occhiata a come avere successo con influencer marketing nel 2018.

influencer-marketing

Leggi anche: Beautic: gli startupper che trasformano gli appassionati di beauty in influencer

Chi sono gli Influencer marketing?

Influencer marketing è progettato per attingere a una comunità esistente di follower impegnati sui social media. Gli influencer sono specialisti nelle loro nicchie. Queste persone hanno influenza su un pubblico che si potrebbe tentare di raggiungere e possono essere utili a coloro che acquistano.

Innanzitutto, una delle più grandi tendenze che ci si può aspettare per il marketing di influencer nel 2018 è che i marchi e gli influencer siano più trasparenti riguardo alle loro partnership. Nei primi tempi dell’influencer marketing sui social media, non tutti i brand erano aperti come avrebbero dovuto lavorare con alcune delle star o celebrità preferite dei social media.

Fondamentalmente, un sacco di influencer hanno creato post su Instagram, video di YouTube e altri contenuti che promuovono prodotti senza rivelare che sono stati pagati per questo. L’ FTC (Federal Trade Commission), ha chiarito cosa devono fare i marchi e gli influencer quando lavorano insieme su contenuti sponsorizzati. La Commissione mira a migliorare la divulgazione delle specializzazioni sui social media e ricorda che gli influencer dovrebbero rivelare chiaramente le loro relazioni con i marchi quando promuovono o approvano i prodotti attraverso i social media.

Non solo Instagram per Influencer Marketing

Molti marchi e marketer associano automaticamente il marketing dell’influencer con Instagram. In effetti, un sondaggio ha rilevato che Instagram era la piattaforma numero 1 per il 92% di influencer nel 2017. Mentre Instagram è probabile che rimanga in cima alla lista, ciò non significa che bisogna ignorare ogni altro canale. Lo stesso sondaggio ha mostrato che anche gli influencer sono attivi su Facebook, Snapchat, Twitter, YouTube e Pinterest.

Ecco perché questo dovrebbe essere attraente per un marchio. La maggior parte degli influencer basa i loro prezzi sul loro seguito, impegno e domanda. Se ricevono un sacco di offerte per promuovere i brand sui post di Instagram, probabilmente aumenterà il loro prezzo a causa del valore percepito.

E’ necessario considerare altre piattaforme per lavorare con influencer che altri brand potrebbero ignorare. Anche se non si raggiunge lo stesso numero di persone che si raggiungerebbe su Instagram, sarà possibile generare un ROI migliore se si paga di meno per ottenere conversioni migliori.

É da tenere presente che non tutti gli influencer sono su Instagram e YouTube. Si può dare un’occhiata attraverso Medium, Pinterest (Pinfluencers), blog e altre piattaforme in cui il pubblico di destinazione potrebbe rilassarsi.

Utilizzare gli strumenti di marketing di Influencer

Quando il marketing influencer ha iniziato a diventare più popolare, due delle più grandi sfide in cui si sono imbattuti i brand sono stati trovare influencer e gestire le relazioni. È molto simile a quello che abbiamo visto con il social media marketing. Nelle prime fasi, i marchi gestivano i loro sforzi sociali direttamente attraverso piattaforme come Facebook e Twitter. 

Ma dal momento che il social è diventato una parte integrante delle strategie di marketing, c’era bisogno di altri strumenti per facilitare il processo. Quindi esplorare diversi strumenti di marketing di influencer per creare flussi di lavoro e processi per le campagne è fondamentale oggi.

Leggi anche: Gestione professionale dei social media: 10 consigli

Il ROI dell’influencer marketing

Le campagne di marketing di influencer sono davvero redditizie e aiutano a raggiungere gli obiettivi? Non basta lavorare solo con influencer, bisogna anche generare risultati. A questo proposito bisogna monitorare le campagne di marketing di influencer per avere un riscontro positivo.

É necessario assegnare parametri specifici agli influenzatori in modo da poter monitorare le azioni di ogni visitatore che guidano ad un sito. Molte aziende forniscono alcune opzioni che sono quelle di offrire agli influenzatori codici promozionali unici da condividere con il loro pubblico. In questo modo, ogni volta che un cliente utilizza il codice speciale, puoi attribuire direttamente le entrate a quell’influencer.

Un’altro gioco di sensibilizzazione per utilizzare uno strumento di marketing di influenza è Hashtag di marca direttamente associato ad un marchio, per motivare le persone e creare contenuti originali usando gli hashtag. Il vantaggio è quello di valutare quanto sia popolare il proprio marchio sui social.

Creare contenuti utili, non annunci

Le campagne di marketing di influencer dovrebbero apparire molto meno come annunci generici e molto più come il content marketing. Piuttosto che limitarsi a scattare una foto con il prodotto e con una didascalia generica su quanto si ami il marchio, sarebbe invece giusto creare un contenuto che sia effettivamente utile e divertente.

Ad esempio, il video funziona perché è la perfetta corrispondenza del giusto influenzatore sulla rete giusta. YouTube è una delle fonti numero 1 che le persone cercano per recensioni e tutorial sui prodotti. É necessario quindi iniziare a diventare più creativi se si lavora con gli influenzer.

Con l’ondata di startup su Instagram che lavorano con influencer, è necessario distinguersi. Ciò significa creare video, campagne su larga scala e contenuti originali che abbiano uno scopo al di fuori di convincere le persone ad acquistare il prodotto. Il grande contenuto intrattiene, educa o invoca un certo livello di emozione dal pubblico. 

Sempre più Influencer

I marchi non sono gli unici a notare la crescente popolarità dell’influencer marketing. Chiunque può diventare un influencer. In effetti, l’influenza dei social media è diventata una vera e propria carriera alla quale le persone aspirano. Basta guardare la crescita delle persone che cercano “come diventare un influencer”.

Un vantaggio per i marchi, che si aspettano di avere molti più influenzatori da scegliere. Il valore degli influencer non è il loro conteggio dei follower. È la loro capacità di catturare l’attenzione del pubblico, indipendentemente dalle dimensioni.

Il marketing dell’influencer è diventato popolare per una ragione: funziona. E’ necessario rimanere aggiornati su tutte le tendenze di cui sopra per ottenere il massimo dal marketing di influencer e vedere il vero successo.

Leggi anche: Strategia di Marketing: il business dei social media

CONDIVIDI
Valentina Samà
Progettare, creare e stupire è la sua passione. Dopo il diploma di Grafico Pubblicitario e varie esperienze in Digital Marketing and Social Media Marketing, diventa content editor in Business.it. Ama l'arte e il disegno e scrivere sarà la sua nuova sfida.