Tech

Innovazione in sanità: la tecnologia sanitaria ha portato a diagnosticare problemi che non sarebbero mai stati dannosi

In futuro saremo in grado di monitorare la nostra salute in tempo reale con i robot capsula, oppure misurare il ritmo cardiaco con Skin Electronics, e avremo la possibilità di tracciata la nostra dieta grazie a un sensore attaccato al dente capace di rilevare numerose informazioni sulle diverse sostanze che ingeriamo. Con sistemi così dettagliati e disponibili, le persone dovrebbero essere più sane che mai, giusto?

Forse no. Alcuni medici pensano che sia vero il contrario, che in molti casi, la tecnologia sanitaria ci ha portato a diagnosticare eccessivamente problemi che non sarebbero mai stati dannosi, causando ai pazienti ansia non necessaria e portando a interventi non necessari.

Il medico H. Gilbert Welch, che ha dedicato gran parte della sua carriera alla lotta contro la diagnosi eccessiva, ha riassunto il problema in quanto tale: “La gente vuole che le cure mediche siano un modo per affrontare i problemi acuti; cos’è che li infastidisce? O vogliono prendere il potere della medicina per cercare di trovare qualcosa di sbagliato in loro? Stiamo rilevando problemi troppo presto e convincendo le persone sane che stanno male – è tempo di ripensare alle diagnosi mediche.

Leggi anche: Stampa 3d: una rivoluzione nel campo della sanità

Gilbert Welch

Negli anni ’70, H. Gilbert Welch guidava un’ambulanza come un lavoro universitario a Boulder, in Colorado. Il desiderio di salvare vite umane lo portò a studiare medicina, ma si rese conto che salvare vite non era così chiaro come pensava. A volte, ha trovato, può essere meglio non fare nulla.

Welch è diventato un medico e ricercatore accademico, e ha trascorso gli ultimi 25 anni ad avvertire dei pericoli della medicina troppo zelante. Si preoccupa che i dottori stiano rilevando problemi troppo presto, convincendo le persone sane che sono malate e trattandole in modo troppo aggressivo.

La sua ultima ricerca, pubblicata a dicembre sul Journal of American Medical Association , è un esempio calzante. Ha scoperto che nelle regioni ospedaliere degli Stati Uniti con alti tassi di scansioni CT, che in genere vengono ordinate per controllare i polmoni e l’addome , vengono rimossi molti più reni. Quindi che sta succedendo?

Quando i dottori guardano le immagini, possono vedere anche i reni e spesso inciampano in cancri innocui, dice Welch: “Sta portando alcune persone a essere curate per una malattia che non li avrebbe mai infastiditi”. E a rischio significativo: 1 su 50 di coloro che sono stati sottoposti all’intervento è deceduto entro un mese. Ciò significa che molti pazienti sono stati potenzialmente sottoposti al trauma dell’intervento senza alcun motivo.

Allo stesso modo, la ricerca sulla sindrome dell’ovaio policistico (PCOS) ha scoperto che diagnosticare le donne con la condizione (che può causare infertilità e rischi di diabete e malattie cardiovascolari) ha causato problemi emotivi e fisici significativi anche quando non avevano sintomi. E nei tumori della mammella, della tiroide e della prostata, più screening e più diagnosi non hanno portato a una significativa riduzione del numero di pazienti che sviluppano stadi avanzati di questi tumori.

L’innovazione della salute digitale è cresciuta negli ultimi anni a ritmo sorprendente. Man mano che la tecnologia sanitaria diventa più sofisticata e più personale, questo problema promette di crescere. L’informazione è potere, ma deve essere usata in modo che le persone non si ammalino in cerca di salute.

Leggi anche: Innovazione tecnologica in sanità, le novità e i punti di svolta del settore

Leggi anche: Medicina del futuro: QR cod commestibile

La potenza della tecnologia informatica nella sanità

La nostra crescente fiducia in computer, smartphone ed in generale nella potenza della tecnologia informatica svolge un ruolo sempre più importante nel campo di sanità, medicina e salute. L’accesso ai risultati delle analisi del sngue avviene da tempo quasi universalmente attraverso il computer. In molti centri medici ed ospedali poi oggi esistono cartelle cliniche elettroniche dove sono registrati parametri clinici vitali (come ad esempio pressione arteriosa, frequenza cardiaca, peso, altezza), referti di indagini radiologiche strumentali, prescrizioni e somministrazioni di farmaci, riconosciuti con appositi lettori a codici a barre. Senza dubbio questi sistemi permettono una diminuzione dell’errore medico tipico, cioè quello di trascrizione di informazioni con perdita o modifica di una parte di esse. Inoltre, l’aver accesso ai dati del paziente permette agli operatori sanitari di evitare di dover ogni volta “re-inventare la ruota”, ovvero di dover raccogliere da capo la storia clinica di ogni paziente, le sue allergie, la sua terapia farmacologica ad ogni accesso ospedaliero o ambulatoriale.

In ogni caso, non si può fermare il progresso. A coloro che potrebbero obiettare avanzando timori riguardo all’avvento dei computer con ridimensionamento del ruolo dell’uomo in medicina, va senza dubbio a sottolineare che l’information technology è e dovrà sempre essere semplicemente uno strumento per potenziare le possibilità diagnostiche e curative dell’uomo, senza mai essere in grado di sostituire le decisioni cliniche. L’essere umano infatti, in quanto essere sociale, possiede capacità empatiche sociali che lo pongono, e sempre, lo porranno, nella migliore posizione per prendere decisioni cliniche considerando bisogni e paure di ogni singolo paziente.

Leggi anche: Tecnologia e sanità: cellule staminali placentari, nasce la startup Celularity