Social

Instagram: i 10 influencer più pagati al mondo

Gli influencer sono ormai attori importanti sul mercato pubblicitario e influiscono in modo importante sulle scelte di molte aziende a livello mondiale. Blogmeter ha realizzato uno studio che dimostra come il settore inizi a movimentare cifre interessanti: ad esempio, solo negli Usa, stando ad un report firmato da eMarketer, avrebbe generato qualcosa come 570 milioni di dollari solo su Instagram. Ogni giorno nascono nuovi influencer, c’è chi riesce nell’intento di affermarsi nel mondo dei social influenzando i consumatori e chi no. Quelli che ce la fanno possono vantare dei veri e propri tesori: ma quanto guadagna realmente un grande influencer? Per rispondere a questa domanda, Blogmeter ha stilato facendo leva sul proprio tool di Social Influencer  un elenco dei 10 influencer più pagati di Instagram, una classifica scaturita da un’analisi effettuata nel periodo compreso tra il 12 dicembre 2017 e l’11 gennaio 2018, basata sui dati di prezzo condivisi da HopperHQ.

chiara ferragni tra influencer più pagati al mondo

Chi sono i treinfluencer più pagati su Instagram

Sul gradino più alto del podio di questa classifica secondo Blogmeter si trova Huda Kattan, beauty influencer, nata negli Stati Uniti da genitori iraniani. Nel 2010 ha aperto il suo blog, che nel giro di pochi mesi ha raggiunto una popolarità tale da lanciare il primo marchio di make up nel 2013. Oggi Huda Kattan può contare su25,6 milioni di follower su Instagram, dove posta circa 9 contenuti al giorno con un engagement mensile pari a circa 54 milioni di utenti. Un post sponsorizzato da questa influencer, secondo i dati rilasciati, costa circa 18mila dollari. Al secondo posto, ma a brevissima distanza dal vertice, c’è un giovane influencer uomo: Cameron Dallas, il cui cachet è pari a 17mila dollari per post. Ha iniziato a pubblicare video sulla piattaforma Vine nel 2012 e ora è ambasciatore D&G con circa 21 milioni di seguaci e un engagement mensile di 24 milioni di utenti. Al terzo posto troviamo Jennifer Selter. Popolare per le foto del suo “lato B”, Jen conta 12 milioni di follower e un engagement di 6,3 milioni di utenti: 15mila dollari è il costo richiesto per un post sponsorizzato da questa stella del fitness.

Dal terzo al sesto posto: c’è anche Chiara Ferragni

Gli Youtubers Nash Grier e Zoe Sugg condividono la quarta piazza: entrambi, per ogni loro singolo post sponsorizzato su Instagram chiedono 13mila dollari. Il primo è conosciuto soprattutto per i suoi video di sketch comici, che l’hanno portato a raggiungere i 10 milioni di follower su Instagram e quasi 5 milioni di iscritti al canale YouTube; la seconda, meglio conosciuta come Zoella, è diventata popolare per i suoi video su bellezza e moda e ora può contare su oltre 12 milioni di iscritti sul suo canale YouTube e quasi 11 milioni di seguaci su Instagram. Al sesto posto c’è l’unica influencer italiana in classifica: si tratta di Chiara Ferragni, ideatrice del marchio The Blond Salad. La compagna di Fedez ha un costo per post sponsorizzato di 12mila dollari, ma su Instagram ha a disposizione uno degli engagement migliori in circolazione, con oltre 40 milioni di utenti mensili e 13 milioni di seguaci.

Chiudono la Top 10 Julie Sariñana, Aimee Song, Danielle Bernstein e Liz Eswein

Al settimo e ottavo posto della classifica stilata da Blogmeter ci sono due blogger americane di moda e lifestyle: Julie Sariñana, meglio conosciuta come SincerelyJules e Aimee Song, o SongOfStyle, che condividono lo stesso numero di seguaci su Instagram, 4,8 milioni ciascuno. La prima ha un costo per post di 10mila dollari, la seconda di 9mila. Infine completano la Top 10 Danielle Bernstein, che con il suo profilo Instagram WeWoreWhat può contare su 1,8 milioni di follower e circa 7mila dollari per ogni singolo post sponsorizzato e Liz Eswein (@newyorkcity), una fotografa con base a New York che vanta 1,4 milioni di follower su Instagram e un cachet di 6mila dollari per post sponsorizzato.

Leggi anche —> Come trovare influencer su Instagram adatti al proprio business