Esteri

Ucraina: “Zelensky scampato a tre tentativi di ucciderlo”

Che il presidente ucraino Volodymyr Zelensky fosse nel mirino dei killer mandati da Vladimir Putin era noto da giorni. A mettersi sulle sue tracce sarebbero stati sia i membri del temuto gruppo Wagner che uomini del presidente ceceno Ramzan Kadirov. Secondo fonti di Kiev, però, proprio una squadra di morte cecena sarebbe già stata individuata ed eliminata. Ora, secondo quanto riporta il quotidiano britannico Times, si viene a sapere che Zelensky sarebbe già sfuggito a tre tentativi di farlo fuori.

Il presidente ucraino Zelensky

Il Times di Londra scrive che Zelensky sarebbe già scampato a tre attentati contro la sua persona da quando è iniziata la guerra in Ucraina. Come appena accennato, Putin ha deciso di mandare a compiere la missione i suoi migliori killer. Lo stesso Times, infatti, aveva annunciato nei giorni scorsi che Mosca avrebbe inviato a Kiev una squadra di 400 mercenari allo scopo di uccidere non solo Zelensky, ma anche altri 23 membri del governo ucraino.

Il gruppo Wagner è guidato dall’oligarca Yevgeny Prigozhin, considerato una delle figure più vicine al leader del Cremlino Vladimir Putin. I 400 mercenari ai suoi ordini avrebbero lasciato l’Africa già cinque settimane fa. Lì erano impegnati in un’altra missione di cui però non si conoscono i dettagli. Nella lista di morte del gruppo, oltre al presidente Zelensky, ci sarebbero il primo ministro, l’intero gabinetto, il sindaco di Kiev Vitali Klitschko e suo fratello Wladimir, entrambi ex campioni di boxe.

Temutissimi dai vertici ucraini anche i combattenti provenienti dalla Cecenia. Anche n questo caso, però, fonti vicine al governo di Kiev hanno fatto sapere che, negli scorsi giorni, una squadra di assassini ceceni sarebbe stata individuate ed annientata nei pressi della capitale. La vita di Zelensky per ora è salva dunque. Ma i rischi che corre il presidente sono immensi.

Potrebbe interessarti anche: Zelensky avverte la Russia: “Ci rimborserete per tutto quello che avete fatto”

Torna su