Interni

La Lazio sospende l’addestratore dell’aquila Olympia che inneggia al Duce

Juan Bernabé non è più il falconiere della Società Sportiva Lazio. La sua sospensione l’ha decisa la società di Claudio Lotito dopo che sui social network sono diventate virali le immagini dello spagnolo che si esibisce nel saluto romano allo stadio Olimpico, subito dopo la conclusione della partita Lazio-Inter. L’aquila Olympia, divenuta simbolo dei biancocelesti negli ultimi anni, dovrà così trovarsi molto probabilmente un altro addestratore.

La Lazio sospende l’addestratore dell’aquila Olympia

Sono più di 11 anni che Juan Bernabé ricopre il ruolo di falconiere della Lazio. Il primo volo dell’aquila Olympia è stato infatti spiccato il 20 settembre del 2010. Prima della patita Lazio-Milan. Ora però il legame tra la società calcistica capitolina e lo spagnolo rischia di interrompersi nel peggiore dei modi. Fatali per Bernabé le immagini divenute virali sui social in cui l’uomo, arrivato sotto la Tribuna Monte Mario, fa più volte il saluto romano e si unisce al coro “Duce, Duce”, intonato dagli ultra biancocelesti.

“La Società Sportiva Lazio ha inviato nelle scorse settimane una lettera ai fornitori per richiamarli al rispetto del Codice Etico in vigore. Ed in particolare ad un comportamento pienamente rispettoso dei principi ai quali si è sempre ispirata l’attività della Società. Sia nel campo sportivo che nei rapporti ordinari. -si legge in una nota della società – Particolare attenzione è stata sempre posta sul divieto assoluto di procedere ad azioni e comportamenti di qualunque genere discriminatori sotto tutti i profili tutelati dall’art. 3 della Costituzione”.

“Pertanto – prosegue la società laziale – appresa l’esistenza del video che ritrae Juan Bernabè (non tesserato e dipendente di una società esterna alla Lazio) in atteggiamenti che offendono la Società, i tifosi e i valori ai quali la comunità si ispira, sono stati presi provvedimenti nei confronti della società. Finalizzati all’immediata sospensione dal servizio della persona interessata e all’eventuale risoluzione dei contratti in essere”.

Potrebbe interessarti anche: Il saluto fascista non è reato: la decisione del giudice