Interni

Salvini chiude i porti ma non gli aeroporti: boom di profughi in Italia dal cielo

Matteo Salvini ricorda costantemente ai suoi lettori la sua determinazione nel tenere chiusi i porti, per evitare pericolosi esodi di migranti in Italia. Quello che omette, nella sua retorica, è però che la presunta invasione è già in atto da tempo e non passa per le acque, bensì per i cieli. Da lì la Germania ha iniziato a trasferire in Italia sempre più “dublinanti”, cioè quei profughi che secondo le regole Ue dovrebbero essere trasferiti nei Paesi di primo approdo. Con numeri in vertiginoso aumento.

Nel primo trimestre del 2019, spiega La Repubblica, sono state ben 4.602 le richieste di trasferimenti di profughi nel Bel Paese, il 33% del totale delle domande fatte arrivare a tutti i partner Ue. Un boom del 50% rispetto al trimestre precedente. E però alle pressioni del suo omologo tedesco Horst Seehofer, il ministro dell’Interno Salvini non è proprio capace di dire di no: in 3.540 occasioni, tra gennaio e marzo, la Germania ha infatti ricevuto risposta positiva (2.629 nel periodo precedente).
I trasferimenti effettivi avvengono a ritmo regolare: 1.114 tra novembre e marzo, 557 a trimestre. Salvini di recente aveva rifiutato di firmare con la Germania accordi come quello siglato di recente con la Grecia, sostenendo di essere disposto ad accettare soltanto accordi “a somma zero” (per un dublinante accolto, un altro ne parte). Ma il saldo, a oggi, è estremamente negativo per l’Italia: nei primi 3 mesi del 2019 a fonte soltanto 4 persone hanno intrapreso il viaggio dal nostro Paese verso i confini tedeschi.Una linea, quella voluta dal leader della Lega, che non ha dato i suoi frutti. Anzi. Sempre secondo Repubblica, dai dati del ministero emersi da un’interrogazione parlamentare fanno sospettare che “sia ricominciata la prassi di non prendere impronte dei profughi e migranti che arrivano in Italia e vogliono raggiungere l’Europa del nord, così da non farli risultare come ‘dublinanti’ italiani”. Soluzioni temporanee, tanta propaganda, un’emergenza mai risolta e anzi acuita. Questa, ad oggi, la politica di Salvini.

Belgio, la pista ciclabile galleggiante: Fietsen door het water, il percorso dove è possibile pedalare sull’acqua