Esteri

Ucraina, l’appello di Papa Francesco: “Una violenza diabolica”

Secondo Papa Francesco in Ucraina si è scatenata una “violenza diabolica”. Il Pontefice lancia il suo ennesimo appello in favore della pace tra russi e ucraini durante l’udienza in Vaticano con i partecipanti all’assemblea plenaria della Riunione delle Opere per l’Aiuto alle Chiese Orientali (Roaco). Ma secondo Bergoglio, purtroppo, “tutto sembra andare nella direzione opposta” rispetto alle sue aspettative.

Pope Francis, flanked by Argentinian priest, Monsignor Luis Maria Rodrigo Ewart (R), speaks during the weekly general audience on June 22, 2022 at St. Peter’s square in The Vatican. (Photo by Alberto PIZZOLI / AFP)

“In Ucraina si è tornati al dramma di Caino e Abele. – tuona Papa Francesco – È stata scatenata una violenza che distrugge la vita. Una violenza luciferina, diabolica, alla quale noi credenti siamo chiamati a reagire con la forza della preghiera, con l’aiuto concreto della carità, con ogni mezzo cristiano perché le armi lascino il posto ai negoziati”.

Papa Francesco

“Vorremmo che si compia presto la profezia di pace di Isaia: che un popolo non alzi più la mano contro un altro popolo, che le spade diventino aratri e le lance falci. – prosegue il Pontefice – Invece, tutto sembra andare nella direzione opposta: il cibo diminuisce e il fragore delle armi aumenta. È lo schema ‘cainico’ che regge oggi la storia. Non smettiamo perciò di pregare, di digiunare, di soccorrere, di lavorare perché i sentieri della pace trovino spazio nella giungla dei conflitti”, conclude.

“Le mafie vincono quando la paura si impadronisce della vita. Ragion per cui si impadroniscono della mente e del cuore, spogliando dall’interno le persone della loro dignità e della loro libertà. – afferma poi nella successiva udienza in occasione del trentennale dell’istituzione della Direzione Investigativa Antimafia (Dia) – Le mafie vincono quando la paura si impadronisce della vita, ragion per cui si impadroniscono della mente e del cuore, spogliando dall’interno le persone della loro dignità e della loro libertà. Questi sono i moderni schiavi su cui le economie mafiose si costruiscono”, conclude Papa Francesco.

Potrebbe interessarti anche: Papa Francesco incontra le mogli di due ufficiali del Battaglione Azov

Torna su