Esteri

Papa Francesco incontra le mogli di due ufficiali del Battaglione Azov

Al termine dell’udienza generale di oggi in Piazza San Pietro, papa Francesco incontra al momento del cosiddetto ‘baciamano’ le mogli di due ufficiali del Battaglione Azov. Gli uomini dell’unità militare ucraina, considerata di ispirazione nazista dai suoi detrattori, si trovano al momento rinchiusi nei sotterranei dello stabilimento siderurgico Azovstal di Mariupol.

Papa Francesco durante l’udienza alle partecipanti all’Assemblea plenaria dell’Unione Internazionale delle Superiore Generali, 5 maggio 2022. ANSA/ VATICAN MEDIA HO-NO SALES EDITORIAL USE ONLY

Le mogli dei membri del Battaglione Azov hanno scritto nei giorni scorsi a Papa Francesco ottenendo, forse un po’ a sorpresa, l’invito a partecipare all’incontro in Piazza San Pietro. Le speranze di rivedere vivi i loro compagni sono però ridotte al lumicino. Gli azoviti sono accusati dai russi di essere dei criminali di guerra, considerati responsabili del tentativo di pulizia etnica contro i russofoni, messo in atto nel Donbass a partire dal 2014. Per questo Vladimir Putin ha ordinato al suo esercito di permettere l’uscita di centinaia di civili dai cunicoli dell’Azovstal, ma di attendere tutto il tempo necessari per fare prigionieri o uccidere gli azoviti, se dovessero ancora tentare di resistere.

Intanto, proprio a causa della strenua resistenza mostrata dagli uomini del Battaglione Azov, si fa sempre più fitto il mistero su cosa potrebbero nascondere le decine di chilometri di tunnel a prova di bomba situati sotto all’acciaieria. Il giornalista Toni Capuozzo, ospite di Nicola Porro a Quarta Repubblica, azzarda l’ipotesi che potrebbero essere presenti decine, se non centinaia, di militari e soldati occidentali. Ma non esclude nemmeno che lì sotto sia stato costruito un laboratorio chimico o biologico.

Nonostante queste polemiche, Papa Francesco decide comunque di incontrare le due donne. Un gesto coraggioso ma che sicuramente non mancherà di suscitare polemiche. Solo pochi giorni fa il Pontefice aveva fatto discutere quando, parlando delle cause della guerra in Ucraina, aveva puntato il dito contro “l’abbaiare della Nato” che avrebbe provocato la reazione furiosa del presidente russo Vladimir Putin.

Potrebbe interessarti anche: Papa Francesco in carrozzina: ipotesi di una operazione

Torna su