Interni

Papa Francesco in carrozzina: ipotesi di una operazione

Papa Francesco si presenta seduto su una carrozzina, spinto dal suo maggiordomo, all’Assemblea plenaria dell’Unione Internazionale delle Superiori Generali ricevute in Vaticano. Il Pontefice soffre per l’aggravamento delle condizioni della sua gamba destra. Problemi che potrebbero portarlo presto ad affrontare un’operazione chirurgica. Anche nelle settimane scorse il Papa era apparso sofferente durante le sue sempre più rade uscite pubbliche.

Papa Francesco in carrozzina

L’85enne Papa Francesco soffre di una lesione al legamento del ginocchio destro, provocata probabilmente da una postura sbagliata, causata a sua volta da un problema all’anca. Un quadro clinico non certo disperato, anche se abbastanza preoccupante. Sarà comunque inevitabile intervenire chirurgicamente per inserire una protesi al ginocchio. Un intervento che dovrebbe prevedere un periodo di riabilitazione di circa una settimana.

“Prima o poi il dolore al ginocchio passerà. – aveva detto lo stesso Papa Francesco qualche giorno fa al quotidiano argentino La Nacion – Il recupero dei legamenti è lento, a questa età bisogna accontentarsi di sentirsi dire che si è ben conservati”. Il 3 aprile scorso, invece, durante il viaggio di ritorno da Malta si era confidato con i giornalisti. “La mia salute è un po’ capricciosa. – aveva ammesso – Ho questo problema al ginocchio che tira fuori problemi di deambulazione, di camminare, è un po’ fastidioso, ma sta migliorando. Due settimane fa non potevo fare nulla. È una cosa lenta, vediamo se torna indietro. Ma c’è il dubbio che a questa età non si sa come finirà la partita, speriamo che vada bene”.

“Scusate, voglio dire una cosa. – si era rivolto ai fedeli al termine dell’udienza generale in piazza San Pietro del 27 aprile – Sto seduto perché questo ginocchio non finisce di guarire e non posso restare in piedi tanto tempo. Scusatemi per questo, grazie”. Parole che hanno commosso i numerosi presenti.

Potrebbe interessarti anche: Papa Francesco in udienza generale: “Scusate, non posso restare in piedi”

Torna su