Lavoro, come fare una buona impressione durante un colloquio

Lasciare una buona impressione durante un colloquio di lavoro è sempre un’ossessione che ci accompagna e non ci abbandona fino a quando non abbiamo ottenuto il lavoro oppure siamo stati rifiutati. Molto spesso i colloqui di lavoro si svolgono con gli addetti delle risorse umane che sono preposti alla selezione del personale ma accade che in aziende più piccole oppure in una seconda fase della selezione possa capitare che ci si trovi direttamente davanti al nostro futuro capo. Queste occasioni sono molto importanti e molto delicate visto che lasciare una buona impressione a chi sarà preposto a dirigerci potrebbe facilitare e non poco il nostro futuro lavoro, oltre ad instaurare un rapporto di empatia e di fiducia reciproca che potrebbe essere alla base dei vostri futuri successi. Impressionare il vostro capo dunque potrebbe essere un’arma molto interessante che può giocare a vostro. Bisogna però fare attenzione e ricordarsi sempre che c’è una linea sottile che non va mai oltrepassata e sopratutto che prima di fare qualsiasi cosa dovrete essere capaci di ottenere il lavoro a cui ambite. Superate il colloquio in modo brillante e datevi da fare. Per aiutarvi, di seguito abbiamo raccolto alcune indicazioni su come fare una buona impressione sul vostro capo in fase di selezione.

Impressionare il futuro capo: alcune indicazioni utili per il colloquio

Se vi trovate seduti di fronte al vostro potenziale capo per un colloquio di lavoro significa che il vostro curriculum è stato notato tra una mole di altre candidature e che dunque contiene alcuni elementi che lo hanno reso migliore degli altri. Questa è già una buona base da cui partire, visto che di certo chi vi sta di fronte vi guarderà con occhi diversi. Il curriculum è lo specchio delle esperienze precedenti e della vostra formazione dunque dovrete cercare di sfruttare al meglio questi elementi per dipingere un tratto di voi che sia il più completo e organico possibile. Mostratevi sempre preparati e consci, sottolineando le somiglianze tra quanto fatto in precedenza e la posizione aperta. Fate vedere che vi siete preparati e fondo è che avete piena padronanza della materia. Se vi vengono poste domande sul vostro vecchio lavoro, non parlate di problemi e di conflitti: fare questo vi metterebbe in cattiva luce. Puntate piuttosto sulla vostra voglia di rimettervi in gioco, sottolineando come la vostra voglia di cambiamento sia dettata dalla necessità di voler trovare nuovi stimoli e progredire in una crescita professionale.

Ambizione e obiettivi futuri: mostratevi sempre propositivi

L’ambizione è un carattere che molti notano e cercano. Spesso il vostro futuro capo potrebbe chiedervi quali sono i vostri obiettivi per il futuro e dove vi vedete tra qualche anno. Cercate di far trasparire che avete chiari i vostri obiettivi futuri e mostratevi sempre propositivi, magari facendo domande mirate sulla vostra possibile occupazione. Un colloquio di lavoro non deve essere per forza una discussione a senso unico in cui rispondere solo alle domande che vi vengono poste e interagire in modo positivo potrebbe contribuire a dare una visione poi completa della vostra persona.

Leggi anche: Selezione del personale, come trovare i migliori

CONDIVIDI
Gianluca Sepe
Giornalista pubblicista classe 1991. Laureato in Sviluppo e Cooperazione Internazionale, inizia a scrivere per passione per poi trasformarla nel suo lavoro. Con la penna o con la tastiera, è sempre pronto a raccontare il mondo digitale che cambia intorno a noi. Terribilmente malato per lo sport.