le-aziende-piu-ammirate

Le 50 aziende più innovative del mondo

Apple, Alphabet, Amazon. Tripla A in apertura dell’ultima Top 50 aziende, stilata da Fortune, quella che mette in fila le compagnie più ammirate del mondo. Parametro che pare scivoloso ma che, ad analizzare la metodologia d’indagine, ruota fondamentalmente intorno alla reputazione in un processo progressivo di scrematura effettuato dalla Korn Ferry Hay Group a partire da 1.500 brand.

Ora, certo, la comunità degli affari ha buone ragioni per ammirare tutte queste società. Sono alcune delle società che guadagnano di più. Questi sono segnali del successo del 21° secolo, quindi, certo, è difficile non rimanere impressionati dal modo in cui queste aziende sono diventate parte integrante della nostra vita quotidiana

La piattaforma di partenza è costituita dalle società incluse nel Fortune 1000, le mille più grandi compagnie statunitensi per profitto, e nel Fortune’s Global 500, gruppi non americani con ricavi superiori a 10 miliardi. Da lì la selezione ha prima salvato le 15 più grandi per ogni comparto internazionale e le 10 per ogni ambito nazionale, mettendo sotto la lente 652 compagnie da 30 Paesi con interviste a oltre quattromila direttori, executive e analisti su nove criteri.

le-aziende-piu-ammirate

I primi dieci posti sono tutti occupati da gruppi a stelle e strisce: al quarto Berkshire Hathaway di Warren Buffet, il terzo uomo più ricco del mondo, al quinto Walt Disney, al sesto Starbucks, al settimo Southwest Airlines. Chiudono FedEx, Nike e General Electric. Stanno lentamente assimilando il nostro mondo in una mono cultura, la maggior parte di queste aziende sono perseguitate da continue controversie.

Ad esempio, Apple è stata molto spesso nelle notizie riguardo alla loro decisione di rallentare gli iPhone più vecchi, senza dirlo a nessuno. E molte persone erano, giustamente, arrabbiate  per questo. Altri titoli hanno riguardato le loro tasse, in particolare in Europa. Il gigante della tecnologia ha fatto un’enorme mossa alcuni giorni fa, annunciando che avrebbe effettuato un pagamento una tantum, di $ 38 miliardi per le tasse su tutto quel denaro all’estero e sta per fare un grande investimento qui negli Stati Uniti.

Leggi anche: Apple assumerà 20mila persone negli Stati Uniti

La decisione è un tentativo di compensare tutti quei soldi che la società ha speso per la produzione in Cina e, sì, ci ricorda che Apple, da anni, sta combattendo storie sulle condizioni di lavoro nelle fabbriche cinesi. 

Poi c’è la società numero 3, Alphabet. Nel caso lo abbiate dimenticato, Alphabet è la società madre di Google, che gestisce YouTube, quest’ultima ha avuto un mese veramente duro. C’è la polemica di Logan Paul , tutti quei bizzarri video che sfuggono ai filtri nella sezione dedicata ai bambini. Non è che queste società non ci avvantaggino affatto. Anzi molti di noi usano i prodotti Apple e Amazon. Abbiamo cambiato solo il modo di acquistare le cose.

E questo è tutto ciò che conta davvero nel mondo degli affari. Finché Apple, Google e gli altri continueranno a incrementare i loro profitti, i dettagli sciocchi come quello che stanno facendo al mondo che li circonda, non contano molto. 

Leggi anche: La top ten delle start up innovative del 2017

CONDIVIDI
Valentina Samà
Progettare, creare e stupire è la sua passione. Dopo il diploma di Grafico Pubblicitario e varie esperienze in Digital Marketing and Social Media Marketing, diventa content editor in Business.it. Ama l'arte e il disegno e scrivere sarà la sua nuova sfida.