Casa trasportabile

Le case trasportabili rivoluzionano turismo e stile di vita all'insegna della libertà

370

Ecocapsule ad alta tecnologia

Con le case trasportabili la tecnologia slovacca ha realizzato un prodotto destinato a rivoluzionare il mercato del settore turistico, ma non solo. Le casette portatili, progettate in “start up” da una promettente impresa di Bratislava, sono la soluzione per chi vuole assecondare il proprio spirito esplorativo e avventuroso senza rinunciare alle comodità. Ideali per integrare le strutture di accoglienza turistica sia al mare che in montagna, possono anche servire da postazioni per la ricarica di veicoli elettrici. Versatili e dinamiche, queste sorprendenti case mobili sono più pratiche delle tende da campeggio e confortevoli come un mini-appartamento perfettamente accessoriato. Danno un’impareggiabile libertà di movimento con costi ridotti e tecniche ecosostenibili.

Leggi anche: Renzo Piano progetta una “casa sull’albero” da 20 milioni di euro

Casa mobile

Ecosostenibilità e autosufficienza energetica

Assieme alla libertà di movimento, le case trasportabili assicurano autonomia energetica grazie allo sfruttamento congiunto della fonte solare e di quella eolica. Un elaborato sistema di depurazione e raccolta delle acque piovane assicura altresì le forniture idriche necessarie per le esigenze quotidiane.
Si ottiene in tal modo una completa autoasufficienza con un risparmio non trascurabile, soprattutto nel medio-lungo periodo.
L’autonomia delle case trasportabili dalle reti idriche ed elettriche è realizzata nel pieno rispetto dell’ambiente. Per la produzione di energia sono impiegati pannelli solari e piccole spirali da installare sulla parte superiore, in grado di ottenere dal vento una potenza di 0,75 Chilowatt. Agevolmente smontabili e posizionabili, dette eliche hanno un inconsistente impatto visivo ed acustico per le dimensioni ridotte e la silenziosità. I progettisti non hanno trascurato i possibili limiti temporali di una produzione energetica ottimale e vi hanno ovviato dotando le capsule di tutti i dispositivi necessari per l’allacciamento alle reti ordinarie.

Leggi anche: La Casa eco-nomica del futuro: costi bassi e impatto ambientale zero

 Casa portatile

Produzione su commissione e personalizzabilità

Vengono realizzate case trasportabili su commissione per diverse tipologie di clienti, dai privati ai gestori di strutture turistiche, e da parte dei secondi è verosimile aspettarsi un entusiasmo in rapida crescita. I prodotti sono personalizzabili in base alle singole richieste in modo da assicurare la soddisfazione di esigenze diverse quali possono essere, per esempio, quelle dei turisti stagionali e quelle delle strutture ricettive.
Concluso l’acquisto, la capsula viene spedita a domicilio con una spesa a carico del cliente che varia, a seconda della destinazione, da tariffe inferiori ai 1000 € a tariffe intorno ai 2000. L’esatta stima dei costi complessivi, dunque, non è effettuabile in modo generico ma dipende sia dalle scelte di personalizzazione della casa trasportabile che dal paese di residenza dell’acquirente.

Leggi anche: Le case del futuro? Costruite e alimentate con alghe e batteri

Mobilità

La trasferibilità delle case trasportabili è resa agevole dal posizionamento, sul tetto, di attacchi che ne consentono l’agganciamento con carrucole ed argani e coi più svariati strumenti di sollevamento. La presenza di ruote allungabili alla base delle casette, inoltre, ne permette il trasporto su suolo. La struttura delle capsule non ne richiede l’appoggio su specifici supporti: esse possono poggiare in sicurezza su qualsiasi superficie. La mobilità esclude i vincoli derivanti dall’obbligo di richiedere permessi edilizi. Resta salvo il rispetto delle locali normative su divieti di accesso e permanenza e sulla salvaguardia di parchi ed aree protette, come di quelle che disciplinano l’utilizzo del pubblico suolo.

Casa trasportabile

CONDIVIDI
Simona Lovreni
Scrittrice professionista, adora i libri gialli e la musica hip pop. Ma la sua grande passione è quella di scoprire nuove start up, parlare di loro ed aiutarle a farsi conoscere sul panorama nazionale. Questo perché ha un sogno nel cassetto: creare un giorno la sua impresa.